LAST NEWS
Mancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da Antitrust

La notizia è di pochi giorni fa: Barilla ha deciso di ridurre del 35% le proprie importazioni di grano dal Canada. Il motivo è dettato più da esigenze di marketing che di sicurezza alimentare, come ha spiegato la stessa società. Nel nostro Paese infatti si è fatta largo l’ipotesi che il grano estero contenga tracce di glifosato, un erbicida sospettato di essere cancerogeno, che l’Unione Europea non ha ancora deciso se proibire o no.

Fino ad ora, infatti, un solo studio – quello dello Iarc – ha sostenuto che possa esserlo – mentre altre istituzioni come Efsa ed Echa, rispettivamente l’agenzia per la sicurezza alimentare e per le sostanze chimiche dell’Unione Europea, ma anche Oms e Fao hanno escluso la cancerogenicità per l’uomo in pareri successivi.

Nei mesi scorsi l’associazione Grano Salus aveva denunciato la presenza di tracce di glifosato in alcuni noti marchi di pasta italiana. Nel campione che ne conteneva di più ne sono stati rilevati 0,093 milligrammi per chilo. Qualcosa di simile era accaduto nel 2016, quando il grano estero era stato accusato di contenere tracce di glifosato, Don e cadmio comunque al di sotto delle soglie consentite.

La provenienza della materia prima non è una questione secondaria per i consumatori ma neanche per l’industria alimentare italiana: i pastifici italiani devono infatti acquistare dall’estero tra il 30 e il 40% del grano duro per soddisfare le esigenze del nostro mercato e per poter esportare all’estero. Solo Barilla, ad esempio, esporta il 50% della pasta che produce.

Ma il glifosato contenuto nella pasta è pericoloso per la nostra salute? “Per correre rischi bisognerebbe consumare quantità abnormi di un prodotto che contiene glifosato sotto alla soglia di guardia, e in quelle quantità”, spiega Danilo Marandola, ricercatore del Centro politiche e bioeconomia del Crea. “Di certo non stiamo parlando di acqua di fonte: è pur sempre un prodotto di sintesi e in quanto tale è meglio consumarne il meno possibile” conclude il ricercatore.

Nei nostri supermercati si possono trovare anche paste prodotte con grano 100% italiano. Dallo scorso febbraio è più facile riconoscere questi prodotti: è infatti entrato in vigore il decreto che prevede l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del grano usato per pasta e riso. Un decreto che, come tutti gli altri sull’etichetta di provenienza, potrebbe aver vita breve.

Nel passato alcune tracce di glifosato – sempre entro i livelli di guardia – sono state trovate anche in campioni di grano coltivato in Italia. Nel nostro Paese però le regole sono più stringenti rispetto al Canada e anche rispetto ad altri Paesi europei: nel 2016 un decreto del ministero della Salute ha vietato l’utilizzo del glifosato prima del raccolto.


Fonte: repubblica.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein