LAST NEWS
La sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’estero

SORVEGLIANZA SANITARIA

L’Azienda e il medico competente


CHE COS’E’ LA SORVEGLIANZA SANITARIA?
La sorveglianza sanitaria rappresenta una delle misure generali di tutela per la protezione della salute dei lavoratori esposti a rischi professionali in grado di determinare l’insorgenza di effetti dannosi.
Questo si riferisce agli attuali obblighi di legge sulla sorveglianza sanitaria (visite mediche preventive e periodiche) dei lavoratori.

DA CHI È EFFETTUATA LA SORVEGLIANZA SANITARIA?
La sorveglianza sanitaria può essere svolta solo dal MEDICO COMPETENTE.
Il medico competente è un medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui all’articolo 38, che collabora, secondo quanto previsto all’articolo 29, comma 1, con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto;
L’attività di medico competente (art. 39 comma 1 D. Lgs. 81/08) deve essere svolta secondo i principi della medicina del lavoro e del codice etico della Commissione internazionale di salute occupazionale (ICOH), nel rispetto del codice deontologico professionale.
Il datore di lavoro assicura al medico competente le condizioni necessarie per lo svolgimento di tutti i suoi compiti garantendone l’autonomia (art. 39 comma 4 D. Lgs. 81/08)

Titoli e requisiti del medico competente art. 38
Per svolgere le funzioni di medico competente è necessario possedere uno dei seguenti titoli o requisiti:

    1. specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica;
    2. docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro;
    3. autorizzazione di cui all’articolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277;
    4. specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale.

QUALI SONO GLI OBIETTIVI DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA?
Tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori attraverso:

  • valutazione della compatibilità tra condizioni di salute e compiti lavorativi.
  • Individuazione degli stati di ipersuscettibilità individuale ai rischi lavorativi.
  • verifica dell’efficacia delle misure di prevenzione dei rischi attuate in azienda.

COSA COMPRENDE LA SORVEGLIANZA SANITARIA?

La sorveglianza sanitaria comprende:

    1. visita medica preventiva intesa a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica;
    2. visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. La periodicità di tali accertamenti, qualora non prevista dalla relativa normativa, viene stabilita, di norma, in una volta l’anno. Tale periodicità può assumere cadenza diversa, stabilita dal medico competente in funzione della valutazione del rischio. L’organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza sanitaria differenti rispetto a quelli indicati dal medico competente;
    3. visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dell’attività lavorativa svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica;
    4. visita medica in occasione del cambio della mansione onde verificare l’idoneità alla mansione specifica;
    5. visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla normativa vigente.

QUALI AZIENDE DEVONO NOMINARE UN MEDICO COMPETENTE?
Il datore di lavoro  ha l’obbligo di nominare il medico competente (art. 18 comma 1, lettera a D.Lgs. 81/08)  nei casi previsti dalla normativa vigente.
Ad esempio:

  • Utilizzo videoterminale > 20h settimanali
  • Turnazioni notturne
  • Movimentazione manuale carichi
  • Esposizione a rumore e vibrazioni
  • Esposizione polveri, fumi da saldatura
  • Esposizione di agenti chimici
  • Esposizione ad agenti biologici (contagio, trasmissione virus batteri)
  • Esposizione agenti cancerogeni

Devi nominare il Medico Competente per la vostra azienda?
Richiedi un preventivo gratuito!