Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
LAST NEWS
La Commissione Europea ha aperto un’indagine nei confronti di Amazon per sospetta concorrenza slealePrivacy e dati sensibili. Ma i nostri sanitari conoscono la legge?WhatsApp e Telegram: privacy a rischio con l’invio di foto e file multimedialiIl responsabile HACCPUE, in Gazzetta Ufficiale la Guida sui requisiti per l’igiene dei mangimiGdpr: il Garante Privacy a supporto delle impreseOffice 365 bandito da alcune scuole tedesche: viola le norme sulla privacyIncidenti sul lavoro, nel bresciano muore operaio di 58 anni schiacciato da un macchinarioReddito di cittadinanza: Garante Privacy, ok a regole per accessi selettivi ai datiLotta al bagarinaggio: sì del Garante a vendita biglietti nominativi on lineCreme solari, “Altroconsumo” boccia due prodotti per bambini con protezione 50: “Dai test il fattore reale non supera 20”British Airways ha ricevuto una multa da 183 milioni di sterline per violazione del GDPRMilano, maxi-incendio in un deposito di rifiuti speciali a Settimo MilaneseSporcizia nell’azienda che produce mangimi per animali: sospesa attività del valore di 650mila euroBarbecue: come arrostire la carne senza rischi per la saluteSan Vittore Olona, violata la sicurezza sul lavoro: sigilli alla ditta Metal DrumLuce, trasporti e telefono: a luglio aumentano i prezziEtichettatura grano, lobby Canada contro l’Italia. “Inefficaci sulla trasparenza. E lo sarà anche il regolamento Ue”Arriva lo scontrino elettronico, come funziona per clienti e negoziantiSicurezza nei cantieri, l’Inail premia le migliori pratiche

SORVEGLIANZA SANITARIA

L’Azienda e il medico competente


CHE COS’E’ LA SORVEGLIANZA SANITARIA?
La sorveglianza sanitaria rappresenta una delle misure generali di tutela per la protezione della salute dei lavoratori esposti a rischi professionali in grado di determinare l’insorgenza di effetti dannosi.
Questo si riferisce agli attuali obblighi di legge sulla sorveglianza sanitaria (visite mediche preventive e periodiche) dei lavoratori.

DA CHI È EFFETTUATA LA SORVEGLIANZA SANITARIA?
La sorveglianza sanitaria può essere svolta solo dal MEDICO COMPETENTE.
Il medico competente è un medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui all’articolo 38, che collabora, secondo quanto previsto all’articolo 29, comma 1, con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto;
L’attività di medico competente (art. 39 comma 1 D. Lgs. 81/08) deve essere svolta secondo i principi della medicina del lavoro e del codice etico della Commissione internazionale di salute occupazionale (ICOH), nel rispetto del codice deontologico professionale.
Il datore di lavoro assicura al medico competente le condizioni necessarie per lo svolgimento di tutti i suoi compiti garantendone l’autonomia (art. 39 comma 4 D. Lgs. 81/08)

Titoli e requisiti del medico competente art. 38
Per svolgere le funzioni di medico competente è necessario possedere uno dei seguenti titoli o requisiti:

    1. specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica;
    2. docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro;
    3. autorizzazione di cui all’articolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277;
    4. specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale.

QUALI SONO GLI OBIETTIVI DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA?
Tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori attraverso:

  • valutazione della compatibilità tra condizioni di salute e compiti lavorativi.
  • Individuazione degli stati di ipersuscettibilità individuale ai rischi lavorativi.
  • verifica dell’efficacia delle misure di prevenzione dei rischi attuate in azienda.

COSA COMPRENDE LA SORVEGLIANZA SANITARIA?

La sorveglianza sanitaria comprende:

    1. visita medica preventiva intesa a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica;
    2. visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. La periodicità di tali accertamenti, qualora non prevista dalla relativa normativa, viene stabilita, di norma, in una volta l’anno. Tale periodicità può assumere cadenza diversa, stabilita dal medico competente in funzione della valutazione del rischio. L’organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza sanitaria differenti rispetto a quelli indicati dal medico competente;
    3. visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dell’attività lavorativa svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica;
    4. visita medica in occasione del cambio della mansione onde verificare l’idoneità alla mansione specifica;
    5. visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla normativa vigente.

QUALI AZIENDE DEVONO NOMINARE UN MEDICO COMPETENTE?
Il datore di lavoro  ha l’obbligo di nominare il medico competente (art. 18 comma 1, lettera a D.Lgs. 81/08)  nei casi previsti dalla normativa vigente.
Ad esempio:

  • Utilizzo videoterminale > 20h settimanali
  • Turnazioni notturne
  • Movimentazione manuale carichi
  • Esposizione a rumore e vibrazioni
  • Esposizione polveri, fumi da saldatura
  • Esposizione di agenti chimici
  • Esposizione ad agenti biologici (contagio, trasmissione virus batteri)
  • Esposizione agenti cancerogeni

Devi nominare il Medico Competente per la vostra azienda?
Richiedi un preventivo gratuito!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.