LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Editori, Ue riveda e-privacy, a rischio rivoluzione dati

L’Ue deve rivedere la proposta delle nuove norme sulla e-privacy attualmente sul tavolo perché rischiano di compromettere il legame degli editori con i lettori e il giornalismo di qualità, con il pericolo di mancare la rivoluzione dei dati. E’ la denuncia delle associazioni europee degli editori di Emma ed Enpa, che si sono unite all’appello di altri settori dell’industria per un totale di più di 50 firmatari da oltre 19 Paesi.

Nella lettera collettiva inviata a Bruxelles, si sottolinea la “preoccupazione” che il regolamento Ue sulla privacy online recentemente votata all’Europarlamento e al momento in discussione tra i 28 al Consiglio “non offra una protezione efficace per i consumatori, rafforzi gli attori già dominanti sul mercato dell’economia dei dati e minacci lo sviluppo di società europee competitive” oltre a “minare il ruolo essenziale della stampa e dei media nella vita democratica europea”.

In particolare, ha avvertito il presidente dell’Enpa Carlo Perrone, “è essenziale sottolineare quello che è realmente in gioco” perché “nella sfera digitale gli editori devono essere in grado di continuare a finanziare il giornalismo professionale che è la sola vera soluzione per contrastare le ‘fake news'”. Ma, continua Perrone, “è anche indispensabile per noi costruire relazioni di fiducia di lungo termine direttamente con i nostri lettori”, per questo, avverte, “l’attuale proposta sulla e-privacy ci danneggerebbe in entrambi questi aspetti tagliando i legami con i lettori e piazzando la gestione di tutta la privacy nelle mani dei browser, rendendo legalmente ingestibile usare cookies sui nostri siti”.


Fonte: ansa.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein