LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Facebook, multa da 5 miliardi di dollari per violazione della privacy

Una multa da 5 miliardi di dollari e una commissione indipendente sulla privacy che annulla la posizione di “controllo illimitato” di Mark Zuckerberg sulla privacy degli utenti.

La Federal Trade Commission statunitense ha annunciato, come già anticipato nei giorni scorsi, di aver trovato l’accordo con il social network che chiude il caso aperto nel marzo 2018 dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, quando la società aveva “impropriamente condiviso” i dati di 87 milioni di utenti del social network.

MULTA STORICA PER FACEBOOK – L’annuncio è stato dato prima della trimestrale del social network, che sarà diffusa a mercati statunitensi chiusi. L’accordo è stato approvato dalla FTC con i voti a favore dei tre membri repubblicani, e i due contrari dei membri democratici. Oltre alla multa, la più alta mai inflitta a una società informatica e che si aggiunge ai 100 milioni chiesti dalla Sec, l’autorità di borsa Usa, l’accordo prevede la creazione di una commissione indipendente che toglie al Ceo di Facebook il “controllo illimitato sulle decisioni riguardanti la privacy degli utenti”. Inoltre, è stato chiesta una maggiore supervisione sulle app di parti terze.

IL COMMENTO DI ZUCKERBERG – Abbiamo la responsabilità di proteggere la privacy delle persone. Lavoriamo già duramente per far fronte a questa responsabilità, ma ora stabiliremo uno standard completamente nuovo per il nostro settore”, si legge in un post di Zuckerberg. “Abbiamo deciso di pagare una multa storica, ma ancora più importante, apporteremo alcune importanti modifiche strutturali al modo in cui costruiamo i prodotti e gestiamo questa società”, ha aggiunto, sottolineando come i cambiamenti messi in cantiere “vanno al di là di quanto richiesto dalla attuale legge statunitense”.

REPUBBLICANI vs DEMOCRATICI – “La multa record è stata pensata per punire non solo violazioni future ma, cosa più importante, per cambiare l’intera cultura Facebook legata alla privacy, al fine di abbassare le probabilità di violazioni continue”, ha commentato Joe Simons, il presidente della Ftc.

Per Jody Hunt, del dipartimento della Giustizia, l’obiettivo è “proteggere i dati dei consumatori e garantire che le aziende di social media come Facebook non ingannino le persone sull’uso delle loro informazioni personali”.

Rohit Chopra, uno dei due membri democratici della FTC, non è invece soddisfatto. “Quando le società posso violare la legga, pagare multe salate ma continuare a essere in utile e a mantenere intatto il loro modello di utile, non si può cantare vittoria”, ha spiegato.


Fonte: quifinanza.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein