ULTIME NEWS

Facebook pubblicizza sul media la nuova legge Ue sulla protezione dei dati

 L’aveva annunciato e lo sta facendo. Facebook sponsorizza sui media, con grandi annunci pubblicitari a piena pagina, la nuove legge Ue sulla privacy che entrerà in vigore il 25 maggio per proteggere i dati degli utenti. E’ così che, dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, il colosso della Silicon Valley cerca di riconquistarsi la fiducia degli utenti.

La nuova legge europea mira a fornire agli utenti un maggiore controllo sul modo in cui le loro informazioni personali verranno archiviate e utilizzate online, assicurando multe molto salate, che potranno arrivare fino al 4% del fatturato globale delle imprese che violeranno le regole.

“La nuova legislazione Ue significa più protezione dei vostri dati”, scrive il gigante della Silicon Valley in una pubblicità in bianco e blu, apparsa sui quotidiani tedeschi tra cui HandelsblattSueddeutsche Zeitung e Bild. La pubblicità è comparsa anche sui giornali belgi, oltre che sul quotidiano francese Journal du dimanche (JDD) di domenica scorsa.

In vista dell’introduzione del cosiddetto regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’Unione europea, Facebook ha affermato che chiederà agli utentidi verificare le proprie impostazioni sulla privacy ed è pronta a spiegare loro come “possiamo usare i dati”. “Avrete anche la possibilità di avere accesso, scaricare e cancellare i vostri dati in qualsiasi momento” aggiunge l’avviso pubblicitario.


Fonte: repubblica.it

Chiusura Estiva

I nostri uffici saranno chiusi per ferie dal 9 al 20 agosto, ogni richiesta sarà prontamente evasa alla riapertura.

L'eCommerce di WPS Group: oltre 200 corsi di formazione in e-Learning, Videoconferenza e Aula.
Software web-based per Privacy GDPR, HACCP e organizzazione aziendale.

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein