Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
LAST NEWS
Dati in cambio di soldi: il Garante privacy porta la questione in Europa. Sotto la lente dell’Autorità la app “Weople”Nexi: Nessun attacco hacker o fuga di informazioniPackaging alimentare, uno studio europeo: “Trovate sostanze pericolose, Ue stabilisca nuovi limiti”Gdpr: le prescrizioni del Garante per poter trattare categorie particolari di datiI dati anonimi non sono sufficienti a proteggere la privacy, risalire agli utenti è facilissimoFacebook, multa da 5 miliardi di dollari per violazione della privacyIsee precompilato: Garante, ok alla prima fase attuativaFirmato il nuovo contratto dei medici, era atteso da 10 anni: 200 euro di aumento medio mensileMarmellata con allergene: questi i lotti richiamati dai supermercati ConadGarante privacy: no spam ai possessori di carte fedeltàSicurezza informatica, il «Gdpr» fatica a decollare: sanzioni in ritardo e poche segnalazioniLa Commissione Europea ha aperto un’indagine nei confronti di Amazon per sospetta concorrenza slealePrivacy e dati sensibili. Ma i nostri sanitari conoscono la legge?WhatsApp e Telegram: privacy a rischio con l’invio di foto e file multimedialiIl responsabile HACCPUE, in Gazzetta Ufficiale la Guida sui requisiti per l’igiene dei mangimiGdpr: il Garante Privacy a supporto delle impreseOffice 365 bandito da alcune scuole tedesche: viola le norme sulla privacyIncidenti sul lavoro, nel bresciano muore operaio di 58 anni schiacciato da un macchinarioReddito di cittadinanza: Garante Privacy, ok a regole per accessi selettivi ai dati

Francia, Garante Privacy vieta a Whatsapp di condividere dati con Facebook

In Francia, il Garante per la privacy multerà WhatsApp se non adempierà al provvedimento di bloccare la condivisione dati degli utenti con la società madre Facebook, in linea con la legge sulla privacy francese.

Il CNIL, l’autorità francese per la protezione dei dati, ha comunicato a WhatsApp di rispettare l’ordine entro un mese e prestare particolare attenzione all’ottenimento del consenso degli utenti. Se WhatsApp non si adeguerà, potrebbe essere sanzionata.

Il CNIL ha dichiarato che WhatsApp non ha base giuridica per condividere i dati degli utenti con Facebook e ha violato l’obbligo di cooperare con l’autorità francese. WhatsApp, acquistato da Facebook nel 2014, ha dichiarato che avrebbe iniziato a condividere alcuni dati utente con il social media nel 2016, richiamando gli avvertimenti degli organismi di controllo della privacy europei sull’ottenimento del consenso appropriato.

A ottobre, l’Autorità per la privacy dell’Unione Europea ha criticato WhatsApp per non aver risolto le preoccupazioni sulla condivisione dei dati degli utenti del servizio di messaggistica con Facebook, a distanza di un anno da un avvertimento. L’autorità francese ha dichiarato che WhatsApp non ha ottenuto correttamente il consenso degli utenti per poter iniziare a condividere i i numeri telefonici con Facebook ai fini della “business intelligence”.

“L’unico modo per rifiutare il trasferimento dei dati per scopi di “business intelligence” è disinstallare l’applicazione”, ha detto il CNIL in una nota. L’autorità di regolamentazione ha accettato il trasferimento dei dati degli utenti per motivi di sicurezza, essenziale per il funzionamento dell’applicazione ma al contempo affermato che lo stesso non si applicava ai fini della “business intelligence” che mira a migliorare le prestazioni delle app.

La privacy è importante per WhatsApp. È per questo che raccogliamo pochissimi dati e criptiamo ogni messaggio. Continueremo a lavorare con il CNIL per garantire che gli utenti comprendano quali informazioni vengono raccolte e come vengono utilizzate”, ha detto un portavoce dell’applicazione. “E ci impegniamo a risolvere le diverse, e talvolta conflittuali, preoccupazioni delle autorità europee per la protezione dei dati con un approccio comune all’UE prima che il regolamento generale sulla protezione dei dati entri in vigore nel maggio 2018”.

Al momento, le autorità europee per la protezione dei dati possono solo comminare piccole multe, ma una nuova legge sulla privacy dell’UE che entrerà in vigore il prossimo anno, aumenterà le multe fino al 4% del fatturato globale di un’azienda.

Il CNIL ha affermato di aver chiesto ripetutamente a WhatsApp di fornire un campione dei dati degli utenti francesi trasferiti su Facebook, ma la società aveva spiegato che non poteva farlo poiché si trova negli Stati Uniti e “ritiene che sia soggetta unicamente alla legislazione di questo Paese”.

In Germania, nel frattempo, l’Antitrust ha dichiarato di aver rilevato che Facebook ha abusato della posizione dominante sul mercato, in una sentenza che ha messo in discussione il modello di monetizzazione dei dati personali degli utenti attraverso pubblicità mirate.


Fonte: blitzquotidiano.it

Chiusura Estiva

Gli uffici di WPS Group rimarranno chiusi per le ferie estive dal 12 al 23 Agosto 2019

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.