LAST NEWS
Telemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’esteroMinori in vacanza Garante privacy a media: evitare dannose esposizioniSicurezza sul lavoro e diritti al cinema: a Torino la prima edizione del Job Film DaysCoronavirus, le linee guida del Mit: dalla misurazione della febbre prima di salire sul scuolabus al distanziamentoIl rientro al lavoro dei soggetti fragiliGarante per la Privacy, Stanzione è il nuovo presidenteCoronavirus, al via allo Spallanzani la sperimentazione del vaccino italianoCOVID-19: gestione del rischio e sfera di competenza del datore di lavoro

Google, editori in rivolta: «Sfrutta GDPR contro di noi»editoria

Un gruppo di `publisher´ europei e internazionali ha accusato Google di sfruttare il Gdpr (General Data Protection Regulation), il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati, per imporre nuovi termini `draconiani´ in cambio dell’accesso al suo network pubblicitario.

Lo riporta Tchcrunch in vista dell’entrata in vigore, il prossimo 25 maggio, delle nuove norme sul trattamento e la libera circolazione dei dati personali. «Consideriamo particolarmente preoccupante che tu abbia aspettato fino all’ultimo minuto, prima che il Gdpr entrasse in vigore, per annunciare questi termini ai publisher che ora hanno poco tempo per valutare la legalità e l’equità della tua proposta», hanno scritto gli editori in una lettera inviata al Ceo di Mountain View, Sundar Pichai, bollando la richiesta come scorretta e non trasparente.

Una delle principali obiezioni mosse dalla coalizione di publisher è che Google sembra intenzionato a modificare il suo status trasformandosi da «processore di dati» a «controllore dei dati», assumendosi il diritto di «prendere decisioni unilaterali su come vengono usati i dati dei publisher».

L’altro timore è che Google voglia trasferire ai publisher la responsabilità di ottenere il consenso per il trattamento dei dati, previsto dal Gdpr. «Come sempre Google vuole avere la sua torta e mangiarla. Intende essere controllore di dati, dati forniti dai publisher, senza alcuna responsabilità legale, e apparentemente con la totale libertà di fare dei dati ciò che vuole», ha denunciato Angela Mills Wade, direttore esecutivo dello European Publishers Council, tra i firmatari della lettera a Google.


Fonte: corriere.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein