LAST NEWS
Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utenti

Google, editori in rivolta: «Sfrutta GDPR contro di noi»

Un gruppo di `publisher´ europei e internazionali ha accusato Google di sfruttare il Gdpr (General Data Protection Regulation), il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati, per imporre nuovi termini `draconiani´ in cambio dell’accesso al suo network pubblicitario.

Lo riporta Tchcrunch in vista dell’entrata in vigore, il prossimo 25 maggio, delle nuove norme sul trattamento e la libera circolazione dei dati personali. «Consideriamo particolarmente preoccupante che tu abbia aspettato fino all’ultimo minuto, prima che il Gdpr entrasse in vigore, per annunciare questi termini ai publisher che ora hanno poco tempo per valutare la legalità e l’equità della tua proposta», hanno scritto gli editori in una lettera inviata al Ceo di Mountain View, Sundar Pichai, bollando la richiesta come scorretta e non trasparente.

Una delle principali obiezioni mosse dalla coalizione di publisher è che Google sembra intenzionato a modificare il suo status trasformandosi da «processore di dati» a «controllore dei dati», assumendosi il diritto di «prendere decisioni unilaterali su come vengono usati i dati dei publisher».

L’altro timore è che Google voglia trasferire ai publisher la responsabilità di ottenere il consenso per il trattamento dei dati, previsto dal Gdpr. «Come sempre Google vuole avere la sua torta e mangiarla. Intende essere controllore di dati, dati forniti dai publisher, senza alcuna responsabilità legale, e apparentemente con la totale libertà di fare dei dati ciò che vuole», ha denunciato Angela Mills Wade, direttore esecutivo dello European Publishers Council, tra i firmatari della lettera a Google.


Fonte: corriere.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein