LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Monza, prof del liceo artistico in classe col caschetto per protesta

A scuola con il casco da cantiere. Il professor Domenico Porchi, insegnante di discipline artistiche e laboratorio artistico, si dice «indignato per il basso livello di sicurezza generale in cui versa il Liceo artistico Nanni Valentini, di Monza in Villa Reale e della succursale di via Magenta, sedi in cui presta servizio». Perciò manifesta pacificamente indossando in classe il caschetto di protezione da cantiere, con la scritta «Siamo tutti responsabili».

«Non passa settimana – racconta il professore – senza che si verifichi un piccolo crollo o un distacco di intonaco o un cedimento in qualche una parte della scuola». Sabato 5 ottobre all’interno del cortile sono caduti pezzi di una persiana che hanno sfiorato una ragazzina, come ricorda il professore. Quindi i bidelli sono intervenuti a rimuovere le restanti tavolette della persiana prima che cadessero. Ad aprile 2019, in aula 19 si è staccata una finestra a vasistas (quelle con apertura a ribalta verso l’interno), anche in quel caso sfiorando una ragazza seduta al banco.

«L’aula 18 è stata dichiarata inagibile per problemi di sicurezza – fa osservare il professore – ma di fatto studenti e docenti la utilizzano. Parliamo di sicurezza e legalità e poi viene violato quotidianamente un divieto». Il dirigente ha anticipato che verrà messo un ponteggio, fatto un controtetto per la sistemazione del tetto. Anche nella vicina aula 19 si vedono muffe, alghe, alterazioni degli intonaci. Ovunque le copertine degli intonaci sono scollate e il muro bagnato da annose perdite rivela grosse crepe. All’ingresso di via Boccaccio, per incanalare gli studenti all’ingresso, ci sono le transenne sul marciapiedi, per rimanere discosti dall’edificio ex Borsa, malsicuro: si crea un percorso stretto e a ostacoli che nella concitazione di una eventuale fuga sarebbe pericoloso.

L’iter burocratico per la ristrutturazione della scuola, a partire dall’ex Borsa, è stato sbloccato. A gennaio di quest’anno il Comune ha pubblicato il bando da 900mila euro per la progettazione della ristrutturazione. In poco meno di 3 anni, secondo le stime del vicesindaco con delega alle Opere pubbliche Simone Villa, verranno appaltati ed eseguiti lavori stimati in 5,5 milioni di euro per rimettere a nuovo l’ex Borsa. A dicembre 2017, Monza ha ottenuto il riconoscimento di 9,1 milioni dal «Patto per la Lombardia», contributi destinati a quattro progetti in città tra cui il più significativo, da 7,9 milioni di euro, è per la riqualificazione dell’ex Borsa, l’unica parte della Villa Reale rimasta di proprietà diretta del municipio monzese. Per il cortile sono in previsione 1.7 milioni di euro, ma dal 2022. In divenire anche il percorso per il rifacimento della copertura del corpo centrale (1.9 milioni). Qualcosa si sta muovendo nell’iter burocratico. «Nel frattempo spero di non diventare una vittima del dovere», dice il professore. Anche nella succursale di via Magenta crollano intonaci dalla pensilina e ci sono transenne a ostacoli per entrare a scuola. Il dirigente Guido Soroldoni non rilascia dichiarazioni


Fonte: ilgiorno.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein