LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Privacy: Di Ronza, no a consenso forzatoprivacyshield

Leggere bene le privacy policy sull’utilizzo dei dati e limitare “il più possibile i dati che forniamo spontaneamente nell’ambito dei servizi gratuiti”. Dopo i primi ricorsi, con cause miliardarie ai giganti del web, come quella dell’associazione noyb.eu (None of your business) dell’avvocato austriaco Max Scherms, il fronte dei ‘no al consenso forzato’ si allarga mentre gli utenti sono bombardati da pop-up con la formula “Take it or leave it”.

“Il nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati – spiega Antonio di Ronza, partner di Soft Strategy SpA, azienda del gruppo italiano Soft Strategy Group specializzato in advisory e digital che conta 250 dipendenti con 7 sedi in Italia e una a Rio de Janeiro – garantisce agli utenti una scelta libera sul trattamento e l’utilizzo dei dati rispetto a distinte finalità per il tramite dello strumento del consenso libero (opt-in) e informato, indipendentemente dal fatto che si accettino o meno le condizioni generali o le privacy policy sull’utilizzo dei dati.La proibizione del consenso forzato non significa che le aziende non possano più utilizzare i dati dei clienti – aggiunge di Ronza -. Il GDPR infatti contempla l’utilizzo dei dati strettamente necessari per l’erogazione di un servizio, ma l’utilizzo dei medesimi dati e/o in aggiunta ad altri per ulteriori finalità quali ad esempio quelle pubblicitarie, commerciali e promozionali, richiedono tutte dei consensi specifici e informati, da parte degli utenti”.

“Intanto – spiega Antonio di Ronza – non si può che consigliare agli utenti più attenti e consapevoli sulla tematica, di fare lo sforzo di leggere le privacy policy sull’utilizzo dei dati che ci vengono sottoposte dai servizi gratuiti limitando il più possibile i check box che vengono abilitati, segnalare eventuali stranezze e in generale limitare il più possibile i dati che forniamo spontaneamente nell’ambito dei servizi gratuiti”.


Fonte: ansa.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein