LAST NEWS
Garante, no a misure locali Green Pass che violano privacy“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISS

Privacy, quali sono i compiti del DPO?

In vista dell’entrata in vigore in tutti gli Stati dell’Unione Europea del nuovo Regolamento europeo sulla privacy (25 maggio), analizziamo quali devono essere i compiti del DPO.  La figura del Data Protection Officer (DPO), da non confondere con il “titolare del trattamento” o con il “responsabile del trattamento”, può essere considerata come un’evoluzione della figura del “privacy officer”.

Tra gli incarichi assegnati al DPO figurano:

  • attività di informazione e consulenza al titolare o al responsabile del trattamento, nonché ai dipendenti che eseguono il trattamento, sugli obblighi derivanti dal regolamento e da altre disposizioni dell’Unione o degli Stati membri in materia di protezione dei dati;
  • sorveglianza sull’osservanza, da parte del titolare o del responsabile del trattamento,
    del regolamento e delle altre disposizioni dell’Unione o degli Stati membri in materia di protezione dei dati, compresa l’attribuzione delle responsabilità, sensibilizzazione e formazione del personale che partecipa ai trattamenti e alle connesse attività di controllo;
  • fornire, se richiesto, un parere sulla “valutazione d’impatto” della protezione dei dati e sorvegliarne l’adempimento ai sensi dell’art. 35;
  • cooperare con l’autorità di controllo, e fungere da punto di contatto per l’autorità di controllo per questioni connesse al trattamento, tra cui la consultazione preventiva di cui all’articolo 36, ed effettuare, se del caso, consultazioni relativamente a qualunque altra questione.

La circostanza che la norma specifichi che il DPO deve svolgere “almeno” questi compiti significa che nulla impedisce al Titolare del trattamento di assegnargli compiti ulteriori rispetto a quelli espressamente elencati nel paragrafo 1, oppure di specificare ulteriormente i compiti suddetti.

Il DPO, come prescritto dal paragrafo 2 dell’art. 39, deve considerare, nell’esecuzione dei propri compiti, i rischi inerenti al trattamento, tenuto conto della natura, dell’ambito di applicazione, del contesto e delle finalità del medesimo.

È una disposizione con la quale si chiede al DPO di definire un ordine di priorità nell’attività svolta e di rivolgere una attenzione prioritaria alle questioni che presentino i rischi più elevati in termini di protezione dei dati. Ciò al fine di essere più facilmente in grado di consigliare al titolare quale metodologia seguire nello svolgere una DPIA, a quali settori riservare un audit in termini di protezione dei dati, quali attività di formazione interna prevedere per il personale o amministratori che trattino dati personali e a quali trattamenti dedicare maggiori risorse e tempo.


Fonte: leggioggi.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein