LAST NEWS
Mancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da Antitrust

Una app per mettersi in regola con le norme UE sulla privacy

Una app per scoprire come mettersi in regola con le nuove misure europee in materia di privacy che entreranno in vigore nel maggio 2018. A lanciarla è stato lo studio legale Hogan Lovells, che ha messo a punto una applicazione gratuita (chiamata GDPRNow) per permettere alle aziende di verificare quali siano gli step necessari per rispettare il Regolamento n. 679/2016.

«La nostra idea – spiega Massimiliano Masnada, che guida il team italiano di Data Protection di Hogan Lovells – è stata quella di creare un vademecum “sartoriale” per ogni singola azienda. Siamo in una fase in cui tutto è altamente profilato e customizzato, per questo è necessario che anche questo tipo di consulenza sia sempre più personalizzata». Attraverso la app le aziende si trovano a dover rispondere a una serie di domande, e attraverso le risposte viene creato un action plan con tutti i passi per mettersi in regola.

«Molte società – racconta Marco Berliri, socio del team Tmt e Commercial – chiedono cosa dovranno fare prima dell’entrata in vigore del regolamento. Questa app sostituisce in maniera gratuita il parare preliminare ed è uno strumento utile soprattutto per le Pmi italiane perché in Italia la privacy non è ancora in cima alle priorità delle imprese».

Il Regolamento Ue che entrerà in vigore a maggio 2018 si applicherà a tutti i residenti europei e anche a tutte le imprese extraUe che forniscono beni e servizi in Europa. Una delle principali novità riguarda l’introduzione del principio di “accountability”, ossia di responsabilizzazione sul trattamento dei dati.

In più, con il Regolamento entrerà in vigore un impianto sanzionatorio che prevede per le imprese inadempienti multe fino al 4% del bilancio del gruppo. «Un aspetto critico – spiegano però dallo studio Hogan Lovells – è legato proprio alle sanzioni, perché l’applicazione sarà a discrezione dell’autorità di controllo del singolo Stato e questo potrebbe generare disparità di trattamento nella Ue».


Fonte: Il Sole 24 ore

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein