Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
LAST NEWS
La Commissione Europea ha aperto un’indagine nei confronti di Amazon per sospetta concorrenza slealePrivacy e dati sensibili. Ma i nostri sanitari conoscono la legge?WhatsApp e Telegram: privacy a rischio con l’invio di foto e file multimedialiIl responsabile HACCPUE, in Gazzetta Ufficiale la Guida sui requisiti per l’igiene dei mangimiGdpr: il Garante Privacy a supporto delle impreseOffice 365 bandito da alcune scuole tedesche: viola le norme sulla privacyIncidenti sul lavoro, nel bresciano muore operaio di 58 anni schiacciato da un macchinarioReddito di cittadinanza: Garante Privacy, ok a regole per accessi selettivi ai datiLotta al bagarinaggio: sì del Garante a vendita biglietti nominativi on lineCreme solari, “Altroconsumo” boccia due prodotti per bambini con protezione 50: “Dai test il fattore reale non supera 20”British Airways ha ricevuto una multa da 183 milioni di sterline per violazione del GDPRMilano, maxi-incendio in un deposito di rifiuti speciali a Settimo MilaneseSporcizia nell’azienda che produce mangimi per animali: sospesa attività del valore di 650mila euroBarbecue: come arrostire la carne senza rischi per la saluteSan Vittore Olona, violata la sicurezza sul lavoro: sigilli alla ditta Metal DrumLuce, trasporti e telefono: a luglio aumentano i prezziEtichettatura grano, lobby Canada contro l’Italia. “Inefficaci sulla trasparenza. E lo sarà anche il regolamento Ue”Arriva lo scontrino elettronico, come funziona per clienti e negoziantiSicurezza nei cantieri, l’Inail premia le migliori pratiche

Aria condizionata e schermi, doppio stress per gli occhi: allarme degli oculisti

Aria condizionata e schermi, doppio stress per gli occhi: quando in estate aprire le finestre non migliora la situazione di caldo opprimente di case e uffici, ci chiudiamo dentro sparando l’aria condizionata al massimo. Un classico, che se associato al trascorrere di ore davanti allo schermo di un computer o del nostro smartphone, può creare un doppio stress per gli occhi.

La situazione peggiora in presenza di un difetto di vista non corretto e si aggrava se la luminosità della stanza è disomogenea, soprattutto rispetto allo schermo del computer. A sottolineare la necessità di proteggere gli occhi in estate, non solo dai raggi del sole, è Gianluca Manni, docente di Clinica oculistica dell’università di Roma Tor Vergata. «In realtà – spiega all’AdnKronos Salute – l’ aria condizionata ha sugli occhi gli stessi effetti collaterali del riscaldamento elevato d’inverno. Si tratta di microclimi che tendono a far asciugare il film lacrimale che protegge la cornea. Si determina infatti un’evaporazione più elevata del film. Questo ci induce a sbattere più frequentemente le palpebre per umidificare ed evitare la sensazione di corpo estraneo o di sabbia negli occhi dovuto alla disidratazione. In questo caso è utile istillare negli occhi lacrime artificiali senza conservati. E se il sintomo persiste, serve consultare l’oculista».

Il segreto è mantenere una temperatura costante nell’ambiente. Ma anche il computer, e gli onnipresenti schermi che rapiscono i nostri sguardi a lungo, contribuiscono ad asciugare il nostro film protettivo. «È provato – aggiunge Manni – che davanti al pc si ammicca di meno e, quindi, si umidificano meno gli occhi. Oltre all’uso di lacrime artificiali, per evitare l’effetto corpo estraneo è utile spostare lo sguardo dallo schermo di tanto in tanto mentre si lavora. E mantenere un’illuminazione omogenea della stanza, senza un contrasto eccessivo con lo schermo. Per la stessa ragione è meglio non guardare la tv o lo schermo del telefonino al buio». Fondamentale, poi, consiglia l’esperto, «bere molto. Oltre al film che protegge la cornea, infatti, dobbiamo tener conto della componente vitreale dell’occhio composta da oltre il 90% di acqua. D’estate la disidratazione è in agguato. Il fenomeno delle ‘mosche che volanò, macchie nere che si ha l’impressione di vedere, è spesso legato alla riduzione del liquido nella componente vitreale. Ma si tratta di un sintomo da riferire, in ogni caso, all’oculista». Infine, usciti dall’ufficio «non dimenticare ormai gli occhiali da sole, a qualsiasi età. Occhiali a norma CE, che garantiscano l’azione di filtro dai raggi tossici», conclude Manni.


Fonte: ilmessaggero.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.