LAST NEWS
Garante, no a misure locali Green Pass che violano privacy“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISS

Polignano, carne pregiata ma scaduta da un mese: maxi multa al ristorante Grotta Palazzese

Otto chili di controfiletto di bovino giapponese scaduti a maggio. E poi tranci e filetti di spigola, zampe di granchio reale, ritagli di carne e pasta congelati privi della documentazione di tracciabilità: finisce nei guai il noto ristorante Grotta Palazzese di Polignano. Gli uomini della Guardia costiera si sono presentati nel locale che, con le sue suggestive sale scavate nelle grotte a picco sul mare, attira ogni anno migliaia di clienti facoltosi.

L’ispezione alle cucine e ai magazzini rientra in un piano di controllo delle attività di ristorazione, implementato durante l’estate. In totale 68 chili di pesce sono risultati privi delle attestazioni di rintracciabilità mentre 8 chili di “wagyu” (un bovino giapponese che si sta diffondendo in Italia) risultavano scaduti nel mese di maggio. Il prodotto ittico è stato sequestrato e al titolare è stata fatta una sanzione da 5.500 euro.

Stessa storia nel ristorante La Tana marina di Cala Paura, a cui è stata elevata una sanzione da 1.500 euro. Anche in questo caso, il controllo di cucine, frigoriferi e magazzini è stato certosino e ha impegnato gli uomini della Capitaneria per diverse ore. Al setaccio vaschette di prodotti congelati e vasche colme di ogni tipo di prodotti ittici. In un deposito sotterraneo sono stati trovati 95 chili di pesce di vario genere, privi però delle necessarie etichettature, che sono stati bollati come “provenienza sconosciuta”.

Gli accertamenti proseguiranno nei prossimi giorni e riguarderanno ristoranti di diversi livelli, perché non è detto che nei locali meno economici non si nascondano piccole irregolarità e quindi brutte sorprese per i clienti. Proprio a tutela dei consumatori, l’invito del comandante della Direzione marittima della Puglia, ammiraglio Giuseppe Meli, è quello di ” prestare sempre la massima attenzione, nella fase di acquisto e consumazione del prodotto ittico “. I controlli serrati hanno anche l’obiettivo di sensibilizzare ristoratori, pescatori e commercianti di pesce, affinché i prodotti portati nei mercati, nei negozi o sui tavoli dei ristoranti siano sempre più che sicuri.

Fonte: repubblica.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein