LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Blitz anti hacker: smantellata Andromeda, infettò migliaia di pc

Grazie a una maxi indagine internazionale, la polizia postale e delle comunicazioni, sotto la direzione della Procura di Roma e con la collaborazione dell’Fbi, ha smantellato la propaggine italiana di Andromeda, una delle più longeve “botnet” a livello mondiale con cui sono stati “infettati” da virus milioni di computer. Una botnet, nel gergo informatico, rappresenta una rete di centinaia di migliaia di computer che vengono attaccati dai pirati informatici per assumerne il controllo all’insaputa dei proprietari. I pc, che una volta infettati vengono definiti “zombie”, possono poi essere utilizzati per compiere vari reati come il furto di dati personali, password, numeri di carte di credito, dati sensibili, fino ad attacchi a sistemi informatici pubblici e privati. La polizia postale ha smantellato in Italia due server “command & control” e circa 150 domini.

L’operazione ha avuto inizio quasi un anno fa, quando, dopo più di quattro anni di indagini, la Procura della Repubblica di Verden e la polizia di Luneburg (Germania), con le autorità statunitensi e le agenzie europee Europol ed Eurojust, hanno rivelato l’esistenza dell’infrastruttura internazionale “Avalanche”, utilizzata per lanciare, diffondere e gestire attacchi malware globali, tra cui Andromeda. La condivisione dei dati acquisiti durante l’operazione Avalanche ha gettato le basi per la creazione, a livello planetario, di una task force formata dagli investigatori di 15 Paesi, tra cui l’Italia, attraverso cui è stata avviata quest’anno l’indagine Andromeda. Ricostruita la complessa rete di server e computer che componevano la botnet, le forze di polizia e le autorità giudiziarie dei 15 Paesi hanno dato corso a un’azione coordinata di spegnimento simultaneo (tecnicamente denominata “takedown”) dei sistemi informatici infetti. Insieme, i partner internazionali hanno agito contro 1500 server e domini che sono stati utilizzati per diffondere il malware Andromeda.

Le attività hanno coinvolto Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Regno Unito, Australia, Bielorussia, Canada, Montenegro, Singapore e Taiwan. L’operazione è stata supportata da Shadowserver Foundation, Microsoft, Registrar of Last Resort, Internet Corporation per nomi e numeri assegnati (ICANN) e registri di dominio associati, Fraunhofer Institute for Communication, Information Processing and Ergonomics (FKIE), e l’Ufficio federale tedesco per la sicurezza delle informazioni (BSI). “Questo – sottolinea Steven Wilson, capo del Centro europeo per la criminalità informatica di Europol (EC3) – è un altro esempio delle forze dell’ordine internazionali che collaborano con i partner industriali per affrontare i criminali informatici più significativi e l’infrastruttura dedicata che usano per distribuire malware su scala globale. Il messaggio chiaro è che i partenariati pubblico-privato possono avere un impatto su questi criminali e rendere Internet più sicuro per tutti noi”.


Fonte: repubblica.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein