LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Diritto all’oblio, per la Corte europea dei diritti non si deve cancellare nulla dal web

La Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) di Strasburgo è dell’opinione che, per principio almeno, non bisogna cancellare nulla dal web, opinione condivisa anche dalla Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi). La commissione Giustizia del Senato in merito al diritto all’oblio invece viaggia in direzione opposta.

Il tema è ritornato di attualità con la sentenza 71233/13 emessa da Strasburgo, relativa alla causa Fuchsmann contro la Germania, con cui Fuchsmann stesso, associato dal New York Times a un giro di criminalità, si è visto negare il diritto all’oblio dai giudici di Strasburgo, incassando lo stesso diniego che gli era stato riservato dalle istanze tedesche.

Secondo la Cedu, tra la libertà di stampa e il diritto alla reputazione deve prevalere la prima per diversi motivi, primo dei quali la necessità di proteggere gli archivi dei giornali e conservarli per i posteri. Il segretario Fnsi Raffaele Lorusso approva questa linea.

Nel frattempo la commissione Giustizia del Senato italiano, che si sta occupando del disegno di legge sulla diffamazione, dovrà affrontare anche l’emendamento con cui la senatrice Rosanna Filippin chiede che sia il garante per la Privacy, l’ente preposto a decidere quali notizie rimuovere dal web, anche in assenza di condanne per diffamazione.

Da questa possibilità si dissocia il vicepresidente della commissione Felice Casson, incline a sposare la filosofia della sentenza Cedu e più orientato a procedere con eventuali cancellazioni solo in caso di condanne definitive che attestano la non veridicità delle notizie che i singoli ricorrenti ritengono discriminanti.


Fonte: wired.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein