LAST NEWS
Referti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’esteroMinori in vacanza Garante privacy a media: evitare dannose esposizioniSicurezza sul lavoro e diritti al cinema: a Torino la prima edizione del Job Film DaysCoronavirus, le linee guida del Mit: dalla misurazione della febbre prima di salire sul scuolabus al distanziamentoIl rientro al lavoro dei soggetti fragiliGarante per la Privacy, Stanzione è il nuovo presidenteCoronavirus, al via allo Spallanzani la sperimentazione del vaccino italianoCOVID-19: gestione del rischio e sfera di competenza del datore di lavoroInfortuni sul lavoro, ferito un operaio ArcelorMittalIl Bonus vacanze arriva via app: richieste dal 1° luglio, ecco come ottenerloScuola: Privacy, pubblicazione voti online è invasiva Ammissione non sull’albo ma in piattaforme che evitino rischiGarante, no agli accessi indebiti ai dossier sanitariWhistleblowing non sicuro: Garante privacy sanziona un’università per 30.000 €

Le aziende più green: Fairphone batte Apple sul filo di lana. Samsung e Amazon in coda

La Greener Guide di Greenpeace si prefigge lo scopo di analizzare il comportamento di 17 tra le più note aziende del mondo hi-tech per quanto riguarda i temi del consumo di energia, risorse e sostanze chimiche pericolose.

Una volta messi insieme questi fattori possiamo scoprire quale può essere considerata l’azienda più green. I protagonisti sono Samsung, Sony, HP, Fariphone, Apple, Lenovo, Huawei, Oppo, Vivo, Asus, Microsoft, Dell, Acer, Xiaomi, Amazon, Google e LG.

il vincitore secondo l’organizzazione ambientalista è Fairphone che così tiene fede a molti degli impegni che sono sono il cuore pulsante del progetto stesso. L’azienda è seguita a breve distanza da Apple, sulla cui valutazione ha pesato tantissimo la transizione già annunciata e in corso verso il 100% di energie rinnovabili per tutte le sue attività.

Dopo un nutrito gruppo di aziende classificate un po’ nel mezzo, senza infamia e senza lode, sulla coda troviamo degli insoliti sospetti. Realtà ad oggi importantissime nel settore come Amazon, Samsung o la arrembante Huawei sono state valutate negativamente sotto diversi aspetti. Secondo Greenpeace Amazon è una delle aziende meno trasparenti per quanto riguarda le politiche energetiche e non offre nessuna informazione sull’impegno dell’eliminazione di sostanze nocive dai suoi prodotti. La colpa di Samsung invece ricade principalmente in una mancata pianificazione a favore delle energie rinnovabili, con un consumo di 16.000 GWh di energia nel 2016, di cui solo l’1% derivante da fonti green.

Critiche severe anche verso i produttori cinesi emergenti, Huawei, Oppo e Xiaomi. Secondo Greenpeace pur ottenendo praticamente oltre un quarto del mercato globale degli smartphone, queste realtà peccano ancora troppo in trasparenza aziendale e impegno sul risparmio di risorse.

Probabilmente la vittoria finale di Fairphone è dovuta all’analisi del fattore “obsolescenza programmata”. Secondo il report, Apple, Microsoft e Samsung nei loro prodotti hanno attuato strategie tali per cui la riparazione e l’upgrade sono difficili se non a volte impossibili, mentre HP, Dell e appunto Fairphone hanno un numero crescente di prodotti dove è semplice intervenire.

Ultimo ma non per ordine di importanza, c’è il report sulle sostanza chimiche potenzialmente pericolose, sia per quanto riguarda quelle utilizzate nei prodotti, sia per quelle presenti negli ambienti di lavoro. Tutte le aziende hanno programmi in corso su questo argomento, tuttavia solo Apple, Dell, Google, HP e Microsoft pubblicano la lista di sostanze che si impegnano a eliminare dai propri device.

In tempi in cui l’inquinamento è un problema rilevante, e in cui contestualmente la vendita di prodotti tecnologici ha una crescita esponenziale, la speranza è che anche i colossi che oggi ancora non si impegnano a dovere intraprendano azioni correttive.


Fonte: dday.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein