LAST NEWS
Mancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da Antitrust

Droni ad uso ricreativo e limiti per rispettare la privacydrone

Sempre più spesso si aggirano nei nostri cieli i droni, dispositivi sicuramente utili e sempre più frequentemente utilizzati, non solo per fini strettamente ludico-ricreativi. Recentemente, si è infatti sperimentato l’utilizzo di tali velivoli anche in ambito sanitario, nonché nelle attività di ricerca e soccorso in caso di emergenza.

Ma quando utilizziamo un drone a fini ricreativi, quali cautele occorre adottare per attenersi alla normativa vigente, anche in materia di privacy?

Infatti, se è vero che i nostri cieli sono sempre più invasi da questi accattivanti dispositivi tecnologici, purtroppo non altrettanti utilizzatori sono pienamente consapevoli degli obblighi in materia di privacy connessi alla circolazione di tali dispositivi, rischiando, così, di incorrere con la propria condotta in una serie di irregolarità, se non addirittura in veri e propri illeciti.

Droni: le definizioni dell’ENAC

I droni sono “sistemi a pilotaggio remoto” (c.d. SAPR) utilizzati sin dal 1900 per scopi militari. A fronte della sempre crescente utilizzazione di tali velivoli, l’ENAC ha stilato un apposito “Regolamento mezzi aerei a pilotaggio remoto” che, nel più recente aggiornamento all’ultima edizione, prevede espressamente, per i voli aventi finalità professionali, il requisito del possesso di un vero e proprio brevetto di volo con autorizzazione al pilotaggio, oltre all’obbligo per i piloti professionisti di stipulare una apposita polizza assicurativa.

In altri termini, distinzione fondamentale all’interno dei mezzi aerei a pilotaggio remoto è quella fra i cosiddetti Aeromodelli e i Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto. Gli aeromodelli, infatti, possono essere utilizzati esclusivamente a scopo ludico e ricreazionale, mentre gli aeromobili a pilotaggio remoto sono utilizzati a scopo professionale, per disparate tipologie di attività. Il medesimo dispositivo potrà dunque essere qualificato come aeromodello, ovvero come sistema aeromobile, a seconda dell’utilizzo

Riprese aeree e tutela della privacy.

Sempre più frequente è l’utilizzo dei droni ad uso ludico per effettuare riprese video amatoriali e fissare i ricordi di eventi speciali, quali i matrimoni. Ma entro quali limiti è possibile farlo senza ledere l’altrui diritto alla riservatezza? È inoltre possibile pubblicare le riprese amatoriali effettuate sulle pagine personali dei social network?  L’utilizzo di droni per effettuare registrazioni video può astrattamente porre problemi di compatibilità con la disciplina dettata dal nostro ordinamento in materia di privacy, laddove nel filmato siano riprese persone e/o targhe di veicoli.

Le direttive del Garante.

In proposito, il Garante per la protezione dei dati personali ha recentemente stilato una serie di consigli per far sì che l’utilizzo di un drone a fini ricreativi sia rispettoso della vigente normativa in materia di privacy.

In particolare, l’Autorità ha chiarito l’importanza di evitare di invadere l’intimità e gli spazi personali altrui, laddove si utilizzi a fini ricreativi un drone munito di videocamera in luoghi pubblici, magari comunicando preventivamente l’intenzione di effettuare registrazioni che siano suscettibili di riprendere anche la sfera personale di altri.

Così, chiarisce il Garante, le registrazioni effettuate con tali giocattoli volanti potranno essere diffuse sui social network e sul web esclusivamente con il consenso delle persone riprese, fatti salvi gli eventuali utilizzi delle immagini a fini giornalistici. Laddove invece le circostanze di fatto rendano eccessivamente difficile raccogliere il consenso degli interessati, le immagini acquisite potranno essere diffuse solo previa adozione delle necessarie cautele affinché i soggetti ripresi non siano riconoscibili (ad esempio, oscurando i relativi volti e/o le targhe automobilistiche filmate).

Analogamente, eventuali frammenti di conversazioni altrui potranno essere utilizzati e diffusi solo se non rendono riconoscibili né le persone coinvolte, né il contenuto dei discorsi involontariamente captati. Inoltre, ricorda il Garante, la disciplina introdotta dal Regolamento Europeo 2016/679 (General Data Protection Regulation)  promuove una tutela in via anticipata dei dati personali, attraverso un sistema di protezione volto a prevenire quanto più possibile le violazioni della privacy, secondo il concetto della cosiddetta “privacy by design”, affidando, cioè, ai titolari del trattamento il compito di individuare e predisporre le misure di protezione più idonee per garantire il rispetto della normativa fin dalla base delle attività di trattamento.

Al pari delle tradizionali riprese video effettuate in luoghi pubblici per catturare eventuali ricordi, è consentito nel nostro ordinamento utilizzare un drone a fini ricreativi per registrare video amatoriali nei medesimi spazi.

Tuttavia, tale condotta è suscettibile di integrare un trattamento illecito di dati personali, come tale fonte di responsabilità in capo a colui che l’abbia posto in essere, laddove i dati personali raccolti siano diffusi e/o pubblicati sui social network senza oscurare i volti delle persone riprese e/o le targhe leggibili dei veicoli inquadrati.


Fonte: tgcom24.mediaset.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein