LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Fisco, arriva la (nuova) tassa unica sulla casa

L’emendamento porta la firma di Alberto Gusmeroli (Lega), vicepresidente della commissione Finanze della Camera.

Ed è tra i 700 segnalati per la discussione delle modifiche al ddl Bilancio che inizierà domani a Montecitorio. Non è escluso che, essendo presentato dalla maggioranza e – pare – riceva anche l’approvazione del Tesoro, venga approvato e cambi così la storia delle tasse sulla casa in Italia.

L’obiettivo del leghista è quello di unificare le imposte sul mattone che, dopo il 2014, si sono accavallate in un complicato groviglio che anche gli esperti faticano a trattare. Soprattutto per chi ha seconde case, negozi, capannoni o due garage e si ritrova a versare due tasse sullo stesso immobile (con doppi calcoli, doppe dichiarazioni ecc ecc). L’idea della Lega è quella di unificare “Imu” e “Tasi“, trasformandola in una tassa unica sulla casa, eliminando (o riducendo) anche le oltre 200 mila aliquote oggi esistenti. Un ginepraio. Il nome non è ancora stato scelto e sebbene l’obiettivo sia la semplificazione (se ne parla dal 2015), il rischio – per ora – è che arrivi anche un aumento del carico fiscale.

Secondo l’emendamento, infatti, la nuova imposta unica – come spiega il Sole 24 Ore – potrebbe salire fino all’11,4 per mille. Ad oggi questo tetto massimo era stato raggiunto solo da 1 Comune su 7, ovvero quelli che avevano applicato nel 2014 una maggiorazione alla “Tasi” per mantenere i conti in ordine. Se l’emendamento della Lega venisse approvato così come presentato in Commissione, allora tutti i sindaci potrebbero innalzare la tassa unica sulla casa fino a quella soglia. Come spiega il Sole, peraltro, quello di innalzare un po’ l’attuale limite è un sogno dei Comuni (c’è stato anche un incontro tecnico con l’Anci), che potrebbero così incassare qualche soldo in più. Ma non si erano spinti fino a qui. Un errore tecnico? Sarà rimediato? Possibile. Per ora però il testo è questo.

Intanto si fanno avanti anche altre modifiche, come quella di innalzare la deducibilità dell’Imu dall’Ires per tutte quelle imprese che hanno dei capannoni. Certo una notizia positiva, ma che andrà ancora discussa. Ci sono da limare dei dettagli: mentre l’Imu non è deducibile dall’Irap, la Tasi sì. Se verranno unificate, quale condizione prevarrà? Difficile dirlo.

La novità dovrebbe però riguardare anche un altro punto. Ovvero quello delle aliquote. Attualmente i Comuni hanno potuto fare il buono e il cattivo tempo, inserendo le più disparate aliquote nel sistema nazionale. Per questo è stato impossibile fino ad oggi creare un modello precompilato che arrivasse a casa del contribuente. Se passasse l’emendamento leghista, allora le cose cambierebbero: verrebbero previste solo alcune aliquote, specificate da griglie inserite nella legge. Un esempio? Per le case di proprietà, si potrà distinguere tra “quelle vuote, quelle affittate con contratto registrato da almeno due anni e quelle concesse in comodato gratuito a figli o genitori”.


Fonte: ilgiornale.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein