LAST NEWS
Telemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’esteroMinori in vacanza Garante privacy a media: evitare dannose esposizioniSicurezza sul lavoro e diritti al cinema: a Torino la prima edizione del Job Film DaysCoronavirus, le linee guida del Mit: dalla misurazione della febbre prima di salire sul scuolabus al distanziamentoIl rientro al lavoro dei soggetti fragiliGarante per la Privacy, Stanzione è il nuovo presidenteCoronavirus, al via allo Spallanzani la sperimentazione del vaccino italianoCOVID-19: gestione del rischio e sfera di competenza del datore di lavoro

Garante privacy, Comandé: ” La protezione dei dati personali è un diritto fondamentale da salvaguardare” 21052019

Sono convinto che la protezione dei dati personali sia, e sarà sempre di più nella società dei dati e dell’Intelligenza Artificiale, un diritto fondamentale da proteggere, ma deve anche trasformarsi da costo in opportunità per le imprese e le PPAA. Il passaggio alla nuova disciplina ed al principio di responsabilizzazione amplia l’autonomia di chi tratta i dati e sposta l’attenzione da meri adempimenti burocratici a un adempimento consapevole. In questo passaggio emergono infinite possibilità da valorizzare. Su queste basi, la mia candidatura nasce per caso e per servizio. Per caso perché per la prima volta mi candido a una carica. Per servizio, perché questa è la parola chiave che tanti amici hanno usato per convincermi a mandare il mio c.v.: la tua esperienza può essere utile.

L’idea della cosiddetta “privacy” (invero altra cosa dal diritto alla protezione dei dati personali) nasce per tutelare da discriminazioni spesso attuate da chi avrebbe dovuto invece proteggere da esse. Non è un caso che l’immaginario collettivo ricolleghi la “privacy” alla distopia Orwelliana di “1984”, dove a controllare tutto e tutti è “il grande fratello”, personificazione dello Stato. Oggi, 70 anni dopo la sua pubblicazione, le tecnologie fantasticate in “1984” non solo sono state realizzate, ma abbondantemente superate e massificate. Esse, però, sono per lo più in mano privata ed accentrata piuttosto che pubblica. Ciò pone sfide inimmaginabili solo pochi anni fa. Per vincerle non basta essere solo giuristi o solo informatici; per vincerle bisogna riuscire a fare dialogare ed interagire queste ed altre competenze e far crescere una cultura della privacy soprattutto nelle nuove generazioni.

Talvolta la protezione dei dati è percepita come divisiva ed inutile (costi per le imprese e diritti poco usati per i cittadini), ma deve diventare un diritto che unisce con la consapevolezza del perché esiste ed è utile per tutti, per chi i dati li tratta e per coloro i cui dati sono trattati. Non si tratta più di difendersi dal Grande fratello e dai suoi aiutanti con i big data ma di garantire le libertà fondamentali nella e per la circolazione dei dati.

PPAA e imprese devono potere estrarre valore dai dati e imparare ad usare i vincoli imposti per razionalizzare le proprie attività, sempre garantendo i diritti fondamentali. Tutti noi dobbiamo potere fare affidamento su una rete di protezione che possa effettivamente garantire il godimento dei diritti divenendo leve di innovazione, cullati da una cultura della libertà tranquilla. Lo dobbiamo a noi e alle generazioni future.

*L’autore dell’intervento è professore di Diritto Privato Comparato all’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.


Fonte: firenze.repubblica.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein