LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Home Restaurant, quali sono i requisiti igienico sanitari da rispettare?

Quali sono i requisiti igienico sanitari per l’apertura di un’attività di gastronomia domestica? Home restaurant, laboratori domestici, cuoco a domicilio, home catering, eventi di social eating, ecc. sono soggetti agli stessi requisiti che le norme richiedono per le attività della cosiddetta gastronomia “ufficiale”, come bar e ristoranti? Certo che no.

Le attività di somministrazione o produzione di alimenti svolte tra le mura di casa propria non possono essere paragonate ai pubblici esercizi, in cui si offrono prestazioni professionali in modo continuativo.

La saltuarietà e il più modesto impatto delle attività domestiche richiedono un approccio semplificato, anche se l’igiene degli alimenti e la tutela della salute del consumatore non permettono di abbassare la guardia.

Ma allora, come si può aprire un “ristorante in casa” che rispetti le norme igienico sanitarie? Velo spieghiamo brevemente in questo post e magigori informazioni le potete trovare in Home restaurant & dintorni, il volume dedicato a tutto ciò che occorre sapere per avviare questo tipo di attività.

Il metodo proposto per semplificare la vita ai futuri cuochi domestici, è il frutto di una sapiente ed equilibrata combinazione tra:

  • normativa europea contenuta nel “pacchetto igiene”;
  • buone prassi igieniche;
  • manuali semplificati di autocontrollo ispirati al sistema HACCP.

Si tratta di un approccio innovativo che da un lato richiama l’esperienza maturata sul campo da moltissimi operatori del settore, dall’altro tende a valorizzare l’importanza dei principi e dei valori appartenenti alla cosiddetta “economia collaborativa”, a cui recentemente l’Unione europea ha dedicato alcuni documenti ampiamente illustrati nel volume.

In concreto, quali sono gli strumenti per poter gestire le lavorazioni nel rispetto delle norme di sicurezza?

Il volume offre un esempio di manuale semplificato di autocontrollo ispirato ai principi dell’HACCP immediatamente applicabile al proprio contesto. Il documento offerto, completo per tutti i casi di gastronomia domestica, potrà essere adattato alle esigenze di ciascuno in base al tipo di lavorazioni svolte. Solo attraverso la documentazione periodicamente aggiornata contenuta nel manuale, per quanto semplice, sarà possibile dimostrare la correttezza delle procedure seguite.

Al fine di costituire uno strumento di immediata utilità e applicazione per i futuri cuochi domestici, il volume indica le soluzioni più aderenti allo stato attuale della disciplina, che per quanto lacunosa e criticabile, costituisce un punto di riferimento imprescindibile per evitare problemi in sede di controllo. Lo sanno bene quegli operatori che sono stati sanzionati a seguito di un controllo dei NAS per mancanza della notifica sanitaria e del manuale di autocontrollo.

Del resto, anche i maggiori rappresentanti del settore, in alcuni gruppi social sull’argomento, hanno ammesso che aprire un home restaurant senza scia e notifica espone i cuochi domestici al concreto rischio di essere sanzionati e anche pesantemente.

Fino a maggio 2017, lo scenario era ulteriormente offuscato dalla mancanza di una modulistica che contemplasse espressamente l’attività di home restaurant e di produzione laboratoriale domestica.

Da luglio 2017 è operativa la nuova modulistica unificata standard per Scia e notifica, uguale e obbligatoria per tutti i Comuni. La nuova Notifica sanitaria riporta anche la voce “Home restaurant” all’interno della tipologia “Ristorazione”, mentre per le produzioni laboratoriali domestiche, nella modulistica unica è presente la voce “Produzione di alimenti in cucina domestica (home food)”.


Fonte: leggioggi.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein