LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Alcuni giochi usano il microfono del telefono per scoprire cosa guardi in tv

Altro che meter dell’Auditel. Alcune app hanno reso la faccenda più semplice: chiedono accesso al microfono dello smartphone in maniera del tutto ingiustificata, per poi restare in ascolto dei gusti tv degli utenti. Riconoscere l’audio di programmi e pubblicità, per poi indirizzare meglio gli annunci.

App che andavano dai giochi di bowling al “beer pong”, includevano un particolare tipo di software adatto a capirne le abitudini di visione, progettato da Alphonso e, ovviamente, non sempre chiaramente dichiarato.

Secondo il New York Times, che ha individuato almeno 250 giochi di questo tipo, in maggioranza su Play Store, molte app nascondevano i loro intenti nell’opzione “leggi di più”: non facendo attenzione a quell’annuncio, si perdeva la possibilità di capire cosa stesse realmente accadendo. Alcune di esse, peraltro, restavano in azione anche quando chiuse.

The Verge ha installato una delle applicazioni, chiamata Endless 9*9 puzzle di Imobile Game Studios: ha chiesto immediatamente accesso al microfono e alla localizzazione, senza fornire nessuna notizia aggiuntiva. Per scoprire che l’app stava monitorando “i dettagli delle visualizzazioni TV” al fine di “mostrare contenuti e annunci relativi alla TV”, era necessario entrare impostazioni del gioco. Quindi, nessuna richiesta di consenso proattiva. 

Un comportamento, questo, che negli Stati Uniti la Federal Trade Commission ha già condannato in passato. Nel 2016, ha avvisato una dozzina di sviluppatori di app Android che utilizzavano un software simile, SilverPush, sul fatto che gli utenti dovessero essere informati del tipo di informazioni che le loro app raccolgono, e del relativo motivo.


Fonte: tgcom24.mediaset.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein