LAST NEWS
Mancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da Antitrust

Il Gdpr europeo fa scuola: approvato in California il Privacy Act02072018

La California ha introdotto una legge sulla privacy che è tra le più stringenti mai approvate in tutti gli Stati Uniti e che per molti aspetti ricorda il Regolamento generale per la protezione dei dati personali,  diventato applicabile da fine maggio in Europa. La conseguenza principale che ci si attende d’ora in avanti è un approccio diverso da parte dei big della tecnologia con sede nella Silicon Valley nei confronti dei dati degli utenti.

Tra i provvedimenti principali, le aziende dovranno dichiarare quali dati collezionano e se vengono condivisi con terze parti. Inoltre agli utenti vengono garantite le possibilità di chiedere che i dati registrati siano cancellati e di non vedere le proprie informazioni personali cedute. La legge però stabilisce che in questo caso le aziende non potranno penalizzare i consumatori, offrendo loro servizi meno completi oppure facendo pagare di più per averli. Chi violerà le regole potrà andare incontro a sanzioni economiche e anche i consumatori potranno fare loro causa in caso di diffusione di dati.

Il California Consumer Privacy Act entrerà in vigore nel 2020 e si applicherà solamente ai cittadini dello Stato: ma come ha fatto notare il Washington Post, compagnie come Facebook e Google dovranno adeguarsi per non avere due regimi di privacy molto diversi: uno in California e un altro in tutto il resto degli Usa. Ma l’auspicio di chi si batte per la difesa dei dati degli utenti è quello che l’esempio californiano venga seguito anche dagli altri Stati americani.

La legge è in realtà un provvedimento adottato in extremis: se non fosse stato fatto entro la fine di giugno, si sarebbe comunque tenuto un voto il prossimo novembre su una petizione firmata da oltre 600 mila californiani e che avrebbe avuto effetti ancora più restrittivi. Non è un caso che i big della tecnologia abbiano sempre fatto una intensa campagna di contrasto a questa iniziativa popolare finanziata in maniera determinante da Alastair Mactaggart, imprenditore nel settore edile impegnato nelle lotte per la difesa della privacy.


Fonte: corriere.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein