LAST NEWS
La sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’estero

Il pancreas artificiale è realtà: una manna per chi soffre di diabete

Di pancreas artificiale si sente parlare da tempo, ma un test condotto da un team della Harvard John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences (SEAS) ha testato e provato i vantaggi di una soluzione realmente efficace.

Il sistema si basa, esattamente come altri test di questo genere, su una pompa di insulina e un CGM, ovvero un glucometro costante come il Dexcom G4 di Roche. A fare la differenza però sarebbe la parte “intelligente”, ovvero l’algoritmo che è in grado di leggere i dati provenienti dal glucometro e impartire di conseguenza ordini al micro-infusore. Il tutto è basato su un modello predittivo (MPC), che quindi è in grado di studiare le abitudini del paziente e regolare la dose di insulina non soltanto in base al livello di glicemia nel sangue, ma anche al momento della giornata o al tipo di attività fisica che il paziente sta svolgendo.

Il dispositivo ideale per questo tipo di calcoli, ma anche per la connessione simultanea alla pompa e al glucometro, è molto probabilmente uno smartphone. Tuttavia non è escluso che le aziende produttrici di dispositivi medicali possano sviluppare un dispositivo pensato appositamente per lo scopo. Simile quindi a uno smartphone, ma più orientato all’uso medico.

Il risultato della sperimentazione di 12 settimana su 30 pazienti è stato chiaro: da un lato c’è stato un abbassamento dell’Emoglobina Glicata (HbA1c), che è una misurazione in grado di dare un’indicazione sul livello medio della glicemia nei mesi passati, dall’altro c’è la diminuzione degli episodi di ipoglicemia.

Il team dietro questa sperimentazione però non è soltanto americano. Tra i ricercatori spunta infatti anche il nome di un italiano, Claudio Cobelli dell’Università di Padova. Una piccola nota d’orgoglio nazionale e un segno concreto che anche l’Italia sta dando un prezioso contributo alla terapia del diabete di tipo 1.


Fonte: dday.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein