LAST NEWS
Mancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da Antitrust

L’Antitrust contro Ryanair, rischio multa fino a 5 milioni di euroryanai

 L’Antitrust ha aperto un procedimento contro Ryanair perché, nonostante le raccomandazioni, il vettore continuerebbe a non informare i viaggiatori sui loro diritti in seguito alle cancellazioni dei voli relative agli scorsi mesi di settembre e ottobre.

Lo scorso 25 ottobre l’Autorità garante ha emesso un provvedimento cautelare con lo scopo di richiamare Ryanair ai propri doveri, imponendo alla compagnia aerea di informare in modo chiaro e accessibile i consumatori italiani sui propri diritti. Secondo l’Antitrust questo non sarebbe avvenuto e ha quindi deciso di aprire un procedimento che può concludersi con un’ammenda che va dai 10mila euro ai 5 milioni di euro.

Informazioni che, secondo le raccomandazioni dell’Antitrust, il vettore avrebbe dovuto pubblicare sul proprio sito web e avrebbe dovuto rendere di facile interpretazione affinché i viaggiatori potessero essere edotti sui propri diritti di rimborso o di prenotazione di un altro volo, riuscendo peraltro a individuare con certezza la cancellazione del volo di loro interesse.

Scaduti i 10 giorni che l’Autorità garante ha concesso, la compagnia low cost non ha trasmesso comunicazioni in merito e, continua il garante, Ryanair ha proseguito con il suo comportamento anche dopo il 22 novembre scorso, quando il Tar del Lazio ha respinto la domanda con cui il vettore ha chiesto la sospensione del provvedimento cautelare.


Fonte: wired.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein