ULTIME NEWS

Le nuove sanzioni

Il meccanismo sanzionatorio introdotto dal nuovo Regolamento è del tutto differente dalla metodologia introdotta dal D.Lgs. 196/03.
L’ormai vecchio decreto prevedeva una serie di sanzioni mirate, descritte dagli articoli 161 al 170.
Tali sanzioni potevano variare indicativamente fra i € 3.000 e i € 60.000. Con alcuni provvedimenti emanati negli scorsi anni, la sanzione poteva essere quadruplicata in base al tenore dell’azienda.
Oltre ciò ogni sanzione era relazionata a un determinato Illecito.
Ad esempio

  • Omessa o inidonea informativa all’interessato (Art. 161) >  da € 3.000 a € 30.000
  • Omessa o incompleta notificazione (Art.163) da € 10.000 a € 60.000

La normativa prendeva anche in esame sanzioni penale, commisurate al reato incorso.


Cosa cambia

Il nuovo regolamento non prevede più sanzioni mirate per un determinato illecito, ma prevede 11 punti di valuazione (Art. 83). Si noti che le sanzioni devono assumere carattere effettivo, proporzionato e dissuasivo.
In questa nuova dimensione, vengono previste sanzioni fino a € 20.000.000 o fino al 4% del fatturato mondiale annuo dell’azienda che commette l’illecito.
Nulla si menziona, invece, sulle sanzioni penali che ricadono nella giurisdizione nazionale di ogni stato membro.

L'eCommerce di WPS Group: oltre 200 corsi di formazione in e-Learning, Videoconferenza e Aula.
Software web-based per Privacy GDPR, HACCP e organizzazione aziendale.

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein