LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Le nuove sanzioni

Il meccanismo sanzionatorio introdotto dal nuovo Regolamento è del tutto differente dalla metodologia introdotta dal D.Lgs. 196/03.
L’ormai vecchio decreto prevedeva una serie di sanzioni mirate, descritte dagli articoli 161 al 170.
Tali sanzioni potevano variare indicativamente fra i € 3.000 e i € 60.000. Con alcuni provvedimenti emanati negli scorsi anni, la sanzione poteva essere quadruplicata in base al tenore dell’azienda.
Oltre ciò ogni sanzione era relazionata a un determinato Illecito.
Ad esempio

  • Omessa o inidonea informativa all’interessato (Art. 161) >  da € 3.000 a € 30.000
  • Omessa o incompleta notificazione (Art.163) da € 10.000 a € 60.000

La normativa prendeva anche in esame sanzioni penale, commisurate al reato incorso.


Cosa cambia

Il nuovo regolamento non prevede più sanzioni mirate per un determinato illecito, ma prevede 11 punti di valuazione (Art. 83). Si noti che le sanzioni devono assumere carattere effettivo, proporzionato e dissuasivo.
In questa nuova dimensione, vengono previste sanzioni fino a € 20.000.000 o fino al 4% del fatturato mondiale annuo dell’azienda che commette l’illecito.
Nulla si menziona, invece, sulle sanzioni penali che ricadono nella giurisdizione nazionale di ogni stato membro.

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein