Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
LAST NEWS
Dati in cambio di soldi: il Garante privacy porta la questione in Europa. Sotto la lente dell’Autorità la app “Weople”Nexi: Nessun attacco hacker o fuga di informazioniPackaging alimentare, uno studio europeo: “Trovate sostanze pericolose, Ue stabilisca nuovi limiti”Gdpr: le prescrizioni del Garante per poter trattare categorie particolari di datiI dati anonimi non sono sufficienti a proteggere la privacy, risalire agli utenti è facilissimoFacebook, multa da 5 miliardi di dollari per violazione della privacyIsee precompilato: Garante, ok alla prima fase attuativaFirmato il nuovo contratto dei medici, era atteso da 10 anni: 200 euro di aumento medio mensileMarmellata con allergene: questi i lotti richiamati dai supermercati ConadGarante privacy: no spam ai possessori di carte fedeltàSicurezza informatica, il «Gdpr» fatica a decollare: sanzioni in ritardo e poche segnalazioniLa Commissione Europea ha aperto un’indagine nei confronti di Amazon per sospetta concorrenza slealePrivacy e dati sensibili. Ma i nostri sanitari conoscono la legge?WhatsApp e Telegram: privacy a rischio con l’invio di foto e file multimedialiIl responsabile HACCPUE, in Gazzetta Ufficiale la Guida sui requisiti per l’igiene dei mangimiGdpr: il Garante Privacy a supporto delle impreseOffice 365 bandito da alcune scuole tedesche: viola le norme sulla privacyIncidenti sul lavoro, nel bresciano muore operaio di 58 anni schiacciato da un macchinarioReddito di cittadinanza: Garante Privacy, ok a regole per accessi selettivi ai dati

Richiedere l’estratto conto del proprio coniuge non viola la privacy

La moglie che chiede e ottiene dalla banca notizie sull’estratto conto del marito, da usare poi nella causa di separazione, non viola nessuna norma sulla privacy.

La Corte di cassazione, con la sentenza 20649, respinge il ricorso dell’uomo che chiedeva alla moglie i danni per avere invaso illecitamente il suo diritto alla riservatezza dei dati. Il ricorrente, sottolinea la Suprema corte, «ha denunciato l’errata interpretazione di imprecisate norme del Dlgs 196 del 2003 in tema di privacy e trattamento dei dati sensibili». Per la Cassazione però il suo ricorso è inammissibile. Con l’ordinanza impugnata la Corte d’Appello aveva richiamato la motivazione dei giudici di prima istanza secondo i quali nel richiedere informazioni o documenti all’istituto di credito la signora non aveva violato nessuna norma di legge nè aveva tenuto un comportamento fraudolento. In più la Corte territoriale aveva aggiunto che l’attore non aveva offerto alcuna indicazione del danno che riteneva di aver subìto.

Nel 2015 (sentenza 20106) però la Cassazione aveva accolto il ricorso del Garante privacy e condannato la banca, per aver fornito, senza un’espressa autorizzazione, ad una moglie i dati, da utilizzare nell’ambito della separazione e dunque «per fini estranei al rapporto contrattuale instaurato con la banca». In quell’occasione i giudici avevano affermato il diritto ad ottenere il risarcimento che può scattare anche senza la necessità che il correntista subisca un danno concreto: basta solo il fatto di essere stato vittima di una fuga di dati.


Fonte: ilsole24ore.it

Chiusura Estiva

Gli uffici di WPS Group rimarranno chiusi per le ferie estive dal 12 al 23 Agosto 2019

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.