LAST NEWS
Referti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’esteroMinori in vacanza Garante privacy a media: evitare dannose esposizioniSicurezza sul lavoro e diritti al cinema: a Torino la prima edizione del Job Film DaysCoronavirus, le linee guida del Mit: dalla misurazione della febbre prima di salire sul scuolabus al distanziamentoIl rientro al lavoro dei soggetti fragiliGarante per la Privacy, Stanzione è il nuovo presidenteCoronavirus, al via allo Spallanzani la sperimentazione del vaccino italianoCOVID-19: gestione del rischio e sfera di competenza del datore di lavoroInfortuni sul lavoro, ferito un operaio ArcelorMittalIl Bonus vacanze arriva via app: richieste dal 1° luglio, ecco come ottenerloScuola: Privacy, pubblicazione voti online è invasiva Ammissione non sull’albo ma in piattaforme che evitino rischiGarante, no agli accessi indebiti ai dossier sanitariWhistleblowing non sicuro: Garante privacy sanziona un’università per 30.000 €

Scuola e privacy: gli studenti che filmano i docenti sono sanzionabili 

Scuola e tutela della privacy

Registrare, fotografare o filmare un insegnante non è, di per sé, un atto che comporti violazione della privacy, almeno finché tale materiale non viene postato in rete o diffuso, divenendo pertanto di pubblico dominio. In questo caso si può parlare di vero e proprio trattamento dei dati personali che, se non autorizzato dal diretto interessato, prevede sanzioni che possono variare dai tremila ai diciottomila euro.

Registrare una lezione per uso didattico non può essere quindi considerata violazione della privacy, ma prima di diffondere eventuale files audio o video è chiaramente necessaria l’autorizzazione del docente.

Privacy e regolamento di istituto

Per ogni tipo di violazione della privacy all’interno della scuola ci si deve rifare sempre al regolamento interno d’istituto, ancora prima di intraprendere specifiche azioni legali. Se nel regolamento è esplicitamente impedito l’utilizzo di smartphone o altra strumentazione elettronica che permetta l’acquisizione di audio, immagini e video, allora anche solo la detenzione da parte dello studente di tale materiale potrà essere sanzionata in relazione all’entità della violazione.

Il dibattito sui social

La polemica sulla privacy ha acceso gli animi di quanti, sui social, lamentano le nuove procedure scolastiche volte a garantire la tranquillità di studenti e docenti all’interno del contesto scolastico.

Tali norme, a detta dei frequentatori dei numerosi gruppi Facebook sull’argomento, non tutelerebbero del tutto i docenti, favorendo (o comunque tollerando) comportamenti inadeguati da parte degli studenti.

La diffusione online, attraverso canali come Twitter o YouTube, di video in cui studenti indisciplinati si rivolgono ai propri docenti utilizzando un linguaggio inappropriato al contesto scolastico, pone l’argomento al centro di un dibattito più ampio, focalizzato non solo sul ruolo del docente ma anche su quello del genitore/educatore e sull’eventuale attribuzione delle responsabilità per il verificarsi di simili episodi.


Fonte: blastingnews.com

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein