LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Il Regno Unito ha decretato internet un diritto fondamentale

Il 20 dicembre il Department for Digital, Culture, Media & Sport britannico ha deciso che internet è un diritto fondamentale, al pari dell’acqua e all’elettricità, imponendo ai provider che operano sul territorio di mettere i cittadini in condizione di accedervi mediante banda larga entro il 2020.

Il segretario alla Cultura Karen Bradley ha commentato la decisione nel modo più neutro e diplomatico possibile, evidenziando solo “quanto sia importante la banda larga per le case e le imprese e vogliamo che tutti traggano vantaggio da una connessione veloce e affidabile. Tutto questo fa parte del nostro lavoro per garantire che l’infrastruttura di telecomunicazioni della Gran Bretagna sia adatta per il futuro e continuerà a fornire la connettività di cui i consumatori hanno bisogno nell’era digitale” .

Fare rientrare internet nell’elenco delle risorse primarie dei cittadini è un modo per incentivare la neutralità della rete e, ancora prima, garantendo a tutti una banda di almeno 10 megabit per secondo, velocità giudicata sufficiente per una famiglia, si vuole lanciare (o rilanciare) l’adeguamento al digitale dei singoli cittadini.

I 10 megabit al secondo devono essere garantiti a tutti, a prescindere dal luogo in cui i cittadini vivono, una scommessa di rilievo che – entro il 2020 – deve superare l’annoso problema della volontà dei fornitori di acceso internet di concentrarsi soprattutto sulle aree più densamente popolate.

Mentre in America la Federal Communication Commission ha dato una picconata alla neutralità della rete, il Regno Unito corre ai ripari con una norma tesa a scongiurare una diffusione della medesima mentalità.


Fonte: wired.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein