LAST NEWS
“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’interno

Un ristorante inglese serve cibo su vassoi di legno: multa pari a 56mila eurotagliere

Gli ispettori sanitari hanno riscontrato che sui taglieri si accumulavano detriti e avanzi di varia natura

I ristoratori alle volte sono costretti a ingegnarsi per rendere più appetibili le loro proposte culinarie.

In una Steakhouse di Birmingham, nel Regno Unito, però si sono dimenticati che ci sono anche delle leggi e norme igieniche da rispettare.

Tutto era incominciato alcuni mesi fa quando, a seguito di un presunto caso di intossicazione alimentare ai danni di una comitiva di 14 persone, gli ispettori sanitari avevano dato avvio agli accertamenti sul locale incriminato.

Dai controlli era emerso che all’interno del ristorante il cibo veniva servito su tavole in legno (invece che normali piatti) e che queste non erano igienicamente conformi: riportavano, infatti, diverse macchie di carbone e fessure superficiali in cui proliferavano detriti di varia natura. Ai proprietari del locale era stato fatto un avviso di miglioramento per porre rimedio alla questione in termini civili, ma loro hanno fatto orecchio da mercante.

Così è scattata una nuova ispezione, e i vassoi di legno erano sempre lì in tavola.

Ecco che è partita una bella multa pari a circa 56 mila euro. Contenti? La giusta punizione per la negligenza è stata servita, stavolta, su un piatto d’argento.


Fonte: 105.net

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein