ULTIME NEWS

Apple, Google e Microsoft insieme per eliminare le password: per l’accesso ai siti e l’app basta uno smartphone

Apple, Google e Microsoft hanno annunciato di aver semplificato ulteriormente la possibilità di accedere a siti web e applicazioni senza dover inserire una password, a prescindere dalla sua complessità, approfondendo il supporto dello standard “senza password” di FIDO Alliance.

FIDO Alliance (FIDO sta per Fast Identity Online) è nata nel 2012 allo scopo di semplificare l’accesso protetto pur non compromettendo la protezione dei dati: lo standard “senza password” nasce in collaborazione con il World Wide Web Consortium (o W3C), organizzazione non governativa che mira a rendere più accessibile il web. Fra i membri di FIDO ci sono anche Amazon, Intel e Meta.

L’idea per raggiungere tale obiettivo è di garantire l’accesso ai siti web e alle applicazioni non attraverso una password, bensì con gli stessi metodi che vengono usati ogni giorno per bloccare uno smartphone o un tablet.

Per esempio, gli utenti possono usare l’impronta digitale o la scansione del volto per sbloccare il dispositivo: lo standard di FIDO Alliance estende lo stesso meccanismo all’accesso ai siti web e alle applicazioni.

Il problema delle password è che devono essere complesse. All’atto pratico, molte persone non riescono a gestire le molteplici password complesse, magari protette da un sistema di autenticazione a due fattori (per inserire un codice ulteriore o per confermare l’operazione), per ogni servizio.

Il risultato finale perciò è che tante persone usano la stessa password per tanti servizi online a cui accedono ogni giorno, dai social network alle piattaforme di streaming, con il risultato che i loro account sono meno protetti.

Sebbene esistano gestori delle password per creare e archiviare password complesse e la stessa autenticazione a due fattori, da tempo le principali società tecnologiche stanno puntando su un futuro senza password per semplificare le procedure di accesso.

Google, Apple e Microsoft già supportavano lo standard di FIDO Alliance l’iniziativa, ma prima era necessario accedere normalmente al sito web o all’applicazione per poter poi usare lo sblocco semplificato per gli accessi successivi. La novità è proprio la rimozione di tale prerequisito, “a prescindere dal sistema operativo o dal browser che stanno usando“.

Apple, Google e Microsoft gestiscono infatti vari sistemi operativi – iOS, Chrome OS e Windows – e altrettanti browser – Safari, Chrome ed Edge.

La possibilità di rendere queste piattaforme e browser interoperabili fra di loro permette alle persone, per esempio, di accedere a un sito web da Chrome mentre usano un dispositivo basato su Windows e sfruttano un iPhone o un iPad per l’autenticazione. Un esempio dell’applicazione dello standard FIDO è la possibilità di accedere all’account Microsoft senza inserire la password. Sono ancora molti però i servizi online che non prevedono la possibilità di evitare l’inserimento della password per l’accesso.


Fonte: DDay.it

L'eCommerce di WPS Group: oltre 200 corsi di formazione in e-Learning, Videoconferenza e Aula.
Software web-based per Privacy GDPR, HACCP e organizzazione aziendale.

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein