LAST NEWS
La sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’estero

Attacco hacker all’agenzia frontaliera USA, sottratte le foto di 100mila viaggiatoriattacco hacker usa

Nella giornata di ieri alcuni funzionari della US Customs and Border Protection, l’agenzia che si occupa della gestione doganale e frontaliera degli Stati Uniti, hanno reso noto che lo scorso 31 maggio hacker non identificati hanno attaccato uno dei subappaltatori, sottraendo poco meno di 100mila foto di viaggiatori in transito negli USA.

‎Il database, che comprendeva oltre alle foto anche targhe automobilistiche, era stato trasferito alla rete del terzista senza alcuna autorizzazione da parte dell’agenzia federale, ha aggiunto un portavoce della CBP‎‎.‎ L’agenzia ha in ogni caso sottolineato che le foto sottratte non includono alcuna informazione che possa favorirne l’identificazione, e non sono correlate a passaporti o altri documenti di viaggio.

L’accaduto, sebbene non abbia di per sé gravi conseguenze, ha riacceso i riflettori sulla delicata questione dell’utilizzo del riconoscimento facciale da parte di forze di polizia e agenzie governative. Le foto sottratte, parte di un database di licenze automobilistiche al confine col Messico, erano infatti utilizzate nell’ambito di un programma per l’utilizzo del riconoscimento facciale come strumento di controllo delle frontiere.

Al di là quindi della valutazione “civile” sulla necessità e opportunità di utilizzare questo tipo di sistemi di controllo di massa, gli attivisti hanno sottolineato ora anche un crescente problema di sicurezza. ‎Se infatti i database che contengono informazioni di identificazione personale stanno diventando un obiettivo sempre più allettante per hacker e criminali informatici, un’attenta valutazione delle pratiche di raccolta dati da parte delle agenzie governative si fa sempre più indispensabile.‎

Anche volendosi fidare delle buone intenzioni degli enti governativi che raccolgono questi dati infatti, la creazione di sempre nuovi database non fa che aumentare esponenzialmente i rischi legati all’esposizione di dati sensibili. Una situazione che richiede la veloce formulazione di metodologie tecnologiche e legali atte a garantirne‎ protezione e integrità.


Fonte: tomshw.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein