LAST NEWS
Spid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’esteroMinori in vacanza Garante privacy a media: evitare dannose esposizioniSicurezza sul lavoro e diritti al cinema: a Torino la prima edizione del Job Film DaysCoronavirus, le linee guida del Mit: dalla misurazione della febbre prima di salire sul scuolabus al distanziamentoIl rientro al lavoro dei soggetti fragiliGarante per la Privacy, Stanzione è il nuovo presidenteCoronavirus, al via allo Spallanzani la sperimentazione del vaccino italianoCOVID-19: gestione del rischio e sfera di competenza del datore di lavoroInfortuni sul lavoro, ferito un operaio ArcelorMittalIl Bonus vacanze arriva via app: richieste dal 1° luglio, ecco come ottenerloScuola: Privacy, pubblicazione voti online è invasiva Ammissione non sull’albo ma in piattaforme che evitino rischi

British Airways ha ricevuto una multa da 183 milioni di sterline per violazione del GDPR british airways

L’Information Commissioner’s Office (ICO), l’autorità per la tutela della privacy nel Regno Unito, ha imposto una multa da 183 milioni di sterline (circa 204 milioni di euro) alla compagnia aerea British Airways, per il grande furto di dati dei suoi clienti avvenuto lo scorso anno. All’epoca gli hacker erano riusciti a dirottare il traffico dei clienti di British Airways dal suo sito ufficiale a un altro, riuscendo a ottenere informazioni come nomi, indirizzi email, informazioni sulle loro carte di credito e codici di sicurezza. Il furto di dati interessò circa 500mila persone e, secondo l’ICO, fu reso possibile da una inadeguata gestione della sicurezza informatica da parte di British Airways.

La multa è stata decisa per violazione del GDPR, il nuovo regolamento sulla privacy dell’Unione Europea pienamente in vigore dallo scorso anno. Il GDPR prevede multe fino al 4 per cento del fatturato dell’azienda coinvolta, nel caso in cui siano violate le regole imposte per tutelare la privacy dei loro clienti. La multa dell’ICO è stata calcolata sulla base dell’1,5 per cento degli interi ricavi di British Airways nel 2017, quindi senza applicare la massima aliquota prevista dal GDPR. Ora la compagnia aerea avrà 28 giorni di tempo per ricorrere in appello.


Fonte: ilpost.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein