LAST NEWS
Garante, no a misure locali Green Pass che violano privacy“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”Covid, il Garante della privacy: “No a passaporti vaccinali, serve una legge”Vaccinazione dei dipendenti: le FAQ del Garante privacy – Principi generali e focus sugli operatori sanitariDal Consiglio d’Europa le linee guida sul riconoscimento faccialeLavoro: Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativaData breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre struttureL’obbligo della nomina del coordinatore per la sicurezza nei cantieriDati Inail: gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia“Se non ha l’età, i social possono attendere”. Lo spot del Garante privacy e di Telefono Azzurro per sensibilizzare i genitori“I tuoi dati sono un tesoro”: il video del Garante per raccontare cos’è la privacyTik Tok: dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del socialMancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISS

Cozze con salmonella: è allerta sanitaria in Italia

Questo avviso riguarda in modo particolare anche la città di Napoli dove è radicato l’utilizzo dei mitili per preparare i piatti della tradizione partenopea.

Una volta avuta la conferma del serio rischio sanitario, l’Italia ha immediatamente avvisato il Rasff, il sistema di allerta europeo rapido per la sicurezza alimentare che, a sua volta, ha lanciato l’allerta per la possibile presenza del pericoloso batterio nella merce distribuita.

Proprio il Rasff invita tutti a prestare la massima attenzione e a non mangiare le cozze senza prima sottoporle al controllo da parte del Servizio igiene degli alimenti e nutrizione della Asl locale. Se le cozze contaminate dovessero essere consumare crude, infatti, si rischiano gravi conseguenze per la salute.

Al momento, però, non si conoscono quali siano i lotti con cozze vive contaminate anche perché stati inviati non solo alla grande distribuzione ma, come sottolineato in una nota diffusa dallo “Sportello per i diritti”, anche a pescherie ed ai mercati.

Il rischio, come sottolinea il presidente dello “Sportello dei diritti” Giovanni D’Agata, “è che i mitili interessati dal richiamo possano esser commercializzati al di fuori dei canali legali, mettendo a grave rischio la salute dei consumatori. Mentre i molluschi acquistati esclusivamente attraverso canali autorizzati all’interno di sacchetti con etichette che ne riportano la provenienza, possono essere acquistati in sicurezza”.

La salmonella è l’agente batterico più comunemente isolato in caso di infezioni trasmesse da alimenti, sia sporadiche che epidemiche.


Fonte: ilgiornale.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37

Newsletter WPS

Rimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein