LAST NEWS
La sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’estero

I brand che valgono di più nel 2017, sale Microsoft giù CocaCola

Come ogni anno dal 2000, l’azienda di consulenza newyorkese Interbrand, leader mondiale in valutazione, strategia e management del marchio, ha stilato la classifica Best Global Brands, elencando i 100 brand con il maggior valore – economico, ma non solo – del 2017. Il focus di quest’anno verte sul tema “Growth in a Changing World”, che oltre al marchio in sé pondera accuratamente anche i fattori chiave di people e technology.

Non a caso: anche quest’anno è infatti il settore tecnologico a farla da padrone, con Apple, Google e Microsoft sui primi tre gradini del podio. La mamma dell’iPhone si conferma in testa alla classifica per il quinto anno consecutivo, con un valore del marchio di 184,2 miliardi di dollari, in aumento del 3% rispetto al 2016. Big G conferma la propria altrettanto longeva presenza al secondo posto, con un brand value di 141,7 miliardi di dollari, in crescita del 6% sull’anno precedente. La sorpresa è Microsoft, che dal quinto posto mantenuto dal 2012 al 2014 è salita al quarto negli anni 2015 e 2016 e si aggiudica la medaglia di bronzo nel 2017, insieme a una valutazione di quasi 80 miliardi, il 10% in più rispetto ai 72,8 dell’anno scorso.

A cederle il posto è CocaCola, il cui brand value, oggi di quasi 70 miliardi di dollari, ha perso il 4% nel 2015, il 7% nel 2016 e un ulteriore 5% quest’anno, classificandosi per la prima volta nella storia della Best Global Brands al quarto posto – per una perdita di valore netta del 10,4% da quando, nel non lontano 2012, era prima in classifica.


Fonte:wired.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein