LAST NEWS
Telemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da AntitrustFacebook, l’Irlanda blocca il trasferimento dei dati verso gli Usa: i rischi per il social senza un nuovo Privacy ShieldLo smart working accelera l’evoluzione digitale, il caso di Eni: così il palazzo di vetro lavora da casaCOVID-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’esteroMinori in vacanza Garante privacy a media: evitare dannose esposizioniSicurezza sul lavoro e diritti al cinema: a Torino la prima edizione del Job Film DaysCoronavirus, le linee guida del Mit: dalla misurazione della febbre prima di salire sul scuolabus al distanziamentoIl rientro al lavoro dei soggetti fragiliGarante per la Privacy, Stanzione è il nuovo presidenteCoronavirus, al via allo Spallanzani la sperimentazione del vaccino italianoCOVID-19: gestione del rischio e sfera di competenza del datore di lavoro

Le malattie trasmesse dal cibo nei paesi a basso-medio reddito costano 110 miliardi di dollari l’annohaccp

Uno studio della Banca Mondiale indica che le malattie di origine alimentare, causate da cibi insicuri, costano circa 110 miliardi di dollari l’anno alle economie dei Paesi a reddito medio-basso, di cui 95,2 miliardi per perdita di produttività e 15 miliardi di spese mediche. Gran parte di questi costi potrebbero essere evitati migliorando il modo in cui gli alimenti sono gestiti lungo la catena che li porta dai campi alla tavola. Le aree più colpite sono l’Asia e l’Africa Sub-Sahariana, in cui abita il 41% della popolazione mondiale ma dove si registrano il 53% delle malattie di origine alimentare e il 75% delle morti associate ad esse.

Nel rapporto, intitolato The Safe Food Imperative: Accelerating Progress in Low- and Middle-Income Countries, la Banca Mondiale osserva che, oltre ai costi sanitari e di perdita di produttività, le malattie causate da cibi insicuri provocano anche danni ai mercati e alle esportazioni agro-alimentari di queste regioni, che dedicano scarse risorse alla sicurezza alimentare e tendono a reagire alle epidemie, anziché agire sulla prevenzione lungo tutta la catena alimentare.

Secondo Steven Jaffee, capo economista dell’agricoltura presso la Banca Mondiale e coautore dello studio, i Paesi a medio-basso reddito non devono solo investire di più nella sicurezza alimentare, ma devono farlo anche in modo più intelligente. “Questo significa investire in conoscenze di base, risorse umane e infrastrutture, realizzare sinergie tra investimenti in sicurezza alimentare, salute umana e protezione ambientale, utilizzando gli investimenti pubblici per sfruttare gli investimenti privati”. Si tratta di cambiare l’approccio tradizionale, incentrato sulla verifica del rispetto delle normative attraverso test di prodotto, ispezioni di strutture alimentari, applicazione di sanzioni legali e finanziarie in caso di infrazioni. “I risultati della regolamentazione dovrebbero essere misurati in termini di imprese conformi, consumatori fiduciosi e miglioramento della sicurezza alimentare, piuttosto che con il numero di multe o di imprese chiuse”, afferma Jaffee.


Fonte: tgcom24.mediaset.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein