LAST NEWS
Mancata tracciabilità di 125 kg di prodotti alimentari, multa e denunciaSulla non responsabilità del DdL per un infortunioWhatsapp: Garante privacy, informativa agli utenti poco chiara. L’Autorità intenzionata ad intervenire anche in via d’urgenzaLa sicurezza nel campionamento di suoli con possibile presenza di amiantoFascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei datiGarante privacy a un call center: tutelare la dignità dei lavoratoriTik Tok, a rischio la privacy dei minori: il Garante avvia il procedimento contro il social networkNorme igieniche e precauzioni per la ristorazione con servizio d’asporto e a domicilio: linee guida ISSQuestura non rettifica i dati, il Garante privacy sanziona il Ministero dell’internoWi-Fi pubblico gratuito, il Garante chiede all’Agid più tutele per gli utentiTelemarketing aggressivo. Dal Garante privacy sanzione a Vodafone per 12 milioni 250 mila euroReferti on line accessibili ad altri pazienti, il Garante sanziona un policlinicoNuove ispezioni del Garante su fatturazione elettronica, data breach e food deliverySpid: ok del Garante privacy a nuove modalità per il rilascio dell’identità digitaleConcorsi pubblici, Garante: i dati dei partecipanti devono essere blindatiReferti online – Le domande più frequentiDpcm, Conte: I sindaci possono chiudere le piazze. Didattica in presenzaNuovo Dpcm di ottobre: mascherine all’aperto, divieto di ballo e limiti alle festeFascicolo Sanitario ElettronicoRaccomandate non consegnate, multa di 5 milioni a Poste Italiane da Antitrust

Via il cartello «Non disturbare»: ora gli hotel scelgono la sicurezzahotel

Tempi duri per i «feticisti» che se li portano a casa per la loro collezione privata, ma anche per chi li espone semplicemente per avere un po’ di privacy. Alberghi e resort stanno iniziando a far sparire i cartellini «Non disturbare» dalle camere. E a cambiare di conseguenza le regole dei loro staff. Ufficialmente per avere la certezza che tutto sia a posto, ufficiosamente per evitare di ritrovarsi un altro pazzo rinchiuso in camera come Stephen Paddock, che lo scorso ottobre uccise 58 persone sparando dalla sua stanza del Mandala Bay di Las Vegas.

La novità

Da dicembre i resort della Disney in Florida hanno sostituito i cartoncini «Do not disturb» con «Room occupied», stanza occupata. La novità sarà estesa anche ad altre strutture. «Un piccolo, ma significativo cambiamento», secondo il sito TravelMole che ne ha dato notizia. Ogni 24 ore il personale alberghiero accederà alle stanze per accertarsi che sia tutto ok. «Disney Resort e il suo staff si riservano il diritto di entrare — anche quando il cartellino è stato esposto — per motivi di sicurezza, manutenzione o altro». «Chiudete bene la porta così evitate sorprese», twitta una ospite dell’albergo, Beci Mahnken.

Gli altri alberghi

Disney non motiva la novità, ma la strage di Las Vegas ha avuto un ruolo. Anche laddove il segnale «Non disturbare» resta, infatti, sono cambiate le norme di comportamento dei dipendenti. L’Orleans Hotel di Las Vegas e le oltre 20 proprietà della catena Boyd Gaming hanno introdotto il «controllo benessere»: il personale entra se il cartello viene esposto per due giorni consecutivi. In un altro super hotel, il Wynn, lo staff entra ogni 12 ore. «Lo facciamo per l’incolumità degli ospiti», spiega alla Cnn il manager Michael Weaver. Rosanna Maietta, portavoce dell’American Hotel & Lodging Association, ricorda al New York Times che «gli alberghi hanno tutto il diritto di far entrare il personale».

Il colosso Hilton

La novità riguarda anche un colosso come Hilton (oltre 838 mila camere in 103 Stati). Da novembre lo staff deve allertare i vertici se il cartello «non disturbare» è lì da più di 24 ore. Sono esclusi clienti come le forze dell’ordine, i piloti e gli assistenti di volo. «Mi sembra una decisione eccessiva — critica John Ollila, specialista per il sito LoyaltyLobby —. Io appendo il cartellino a lungo esattamente per quel motivo: non voglio essere disturbato da nessuno mentre sono all’interno».

.


Fonte: corriere.it

WIDGET-WPSACADEMY

WIDGET-SPOTTV

WPS Group è certificata ISO 9001:2015

Quality Management System
EA 35A & 37
ISO 9001 2015

Newsletter WPS

ico emailRimani aggiornato per non perdere novità e promozioni!

RICORDATI …

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

Albert Einstein